rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca Chirignago / Via Parco Ferroviario

Discarica abusiva con materiale edile a lato strada: "Zero controlli, rischio amianto"

Intervento dei Rangers su segnalazione dei cittadini in via Parco Ferroviario a Marghera. Trovati rifiuti di ogni genere. Presto la collaborazione con il controllo di vicinato

Rifiuti edili a Marghera, continuano gli episodi di civiltà. Gli uomini del nucleo operativo ambientale dei Rangers d'Italia sono intervenuti in via Parco Ferroviario, su segnalazione dei cittadini, trovando una grossa discarica di materiali abbandonati e liberi al suolo. Non il primo episodio nella stesa zona. Stavolta (al contrario dell'ultima) non sono visibili lastre di eternit contenenti amianto, ma comunque la presenza di materiali frantumati provenienti da demolizioni comporterebbe analisi chimiche obbligatorie per verificare l'eventuale presenza del cancerogeno all'intero dell’ammasso. Con il relativo esborso economico che, evidentemente, qualcuno sta cercando di non accollarsi.

I MATERIALI

Tra il volume generale dei rifiuti sparsi in circa 50 metri quadrati i Rangers hanno trovato sacchetti d’immondizia, vasi di pittura, scarti di polistirolo, piastrelle, frammentazioni di cementi, laterizi, ceramiche di sanitari, sacchi di nylon e scarti di poliuretano espanso risultato di lavorazioni. E poi parti di automobile, come un intero paraurti. È stato redatto un verbale con rapporto fotografico, poi inviato agli organi competenti con richiesta di indagare per risalire agli inquinatori. Infine gli agenti hanno delimitato i prodotti con nastro bianco e rosso, sovrapponendo il relativo cartello informativo. Agli uffici comunali è stato chiesto di bonificare l'area.

LA NOTA NEL CAMPO EDILIZIO

Secondo i Rangers il fenomeno dell'abbandono di rifiuti riconducibili ad attività edilizie non regolari è in aumento. Dichiara il capo nucleo di Venezia, Davide Formentello: "È evidente la presenza sul territorio di cittadini che si appoggiano a pseudo ditte che prima svolgono gli interventi richiesti, poi lasciano sulle strade e campagne i rifiuti provenienti dalle lavorazioni. Vogliamo ricordare che l'abbanndono dei rifiuti rientra nel contesto penale, così come lo sfruttamento del lavoro in nero. Il cittadino che richiede questo tipo di lavorazioni deve accertarsi, oltre che della regolarità della ditta, del corretto smaltimento dei rifiut".

COLLABORAZIONE CON IL CONTROLLO DEL VICINATO

A giorni, in seguito ad un accordo in via ormai di ultimazione, i Rangers d’Italia attiveranno una collaborazione con il controllo del vicinato per la raccolta delle informazioni sul degrado ambientale, compresi sopralluoghi a campione sulle discariche ritenute pericolose. Tutti i dati, come ormai avviene da anni con il progetto interno V.A.S.T.O. (vigilanza ambientale sul territorio organizzato), saranno vagliati dal momento della segnalazione fino alla bonifica avvenuta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discarica abusiva con materiale edile a lato strada: "Zero controlli, rischio amianto"

VeneziaToday è in caricamento