menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta differenziata, Venezia è virtuosa come la Scandinavia

I prezzi rimangono superiori al resto del Veneto a causa degli alti costi di smaltimento e degli scarti prodotti dal turismo. Dati comunque positivi

Tariffe basse in Veneto, più alte a Venezia, nonostante la grande dedizione dei residenti nel corretto conferimento dei rifiuti differenziati. È quanto emerge da una ricerca eseguita da "Cittadinanzattiva" e riportata dal Gazzettino, secondo cui la nostra regione è quella con la tassa sui rifiuti più bassa: 228 euro in media, contro i 298 del resto d'Italia. In provincia i costi invece salgono, e la "colpa" è del gran quantitativo di scarti prodotto dai turisti: a fronte di una media italiana di 1,33 chili al giorno di rifiuti, a Venezia si parla di 2,48 chili. E poi c'è la raccolta porta a porta con carretti e barche, costosa anche quella.

La buona notizia è che in provincia le percentuali di raccolta differenziata sono molto alte, il che permette comunque di contenere i costi della Tari: alla fine si arriva a 356 euro di media per un'abitazione di 100 metri quadri abitata da 3 persone, ben distanti dai 604 di Reggio Calabria, i 448 di Napoli o i 429 di Grosseto. Nel Comune di Venezia siamo al 51,05% di raccolta differenziata nel 2014 e al 53% nei primi 10 mesi di quest’anno. Grosse differenze, come sempre, tra centro storico e terraferma: 26,3% sulle isole a causa dell'impatto del turismo, mentre a Chirignago-Zelarino il dato raggiunge il 74%; in media in terraferma la differenziata è del 67%, del 61% al Lido. Insomma, percentuali da Scandinavia.

Anzi, incrociando i dati con quelli di altri Paese europei si può dire che Venezia è anche più avanti rispetto a Germania, Svezia e Danimarca: secondo i dati di Veritas, in laguna finisce in discarica solo il 4 % dei rifiuti. L’inceneritore è chiuso da due anni e ciò che non viene riciclato viene trasformato in Cdr, combustibile privo di sostanze tossiche che viene venduto a Enel e impiegato nella centrale di Fusina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento