A teatro si "rottama" il biglietto vecchio per assistere agli spettacoli a tariffa ridotta

È l'iniziativa "Rinnova la cultura" di Arteven, in collaborazione con città metropolitana e Regione. Partecipano alla sperimentazione 14 teatri del circuito

Un progetto di rete in grado di far dialogare culturalmente e artisticamente i teatri del Veneziano, da nord a sud. È questo l'obiettivo di "Rinnova la cultura", proposto da Arteven, in collaborazione con la città metropolitana di Venezia e la Regione Veneto. L'iniziativa permetterà a chi ha già acquistato un biglietto per assistere nel 2019 ad uno spettacolo andato in scena nei 14 teatri del circuito di "rottamare" il tagliando per assistere a uno dei 151 spettacoli in programma nel territorio da gennaio a giugno 2020. Nel caso in cui il biglietto acquistato fosse stato a tariffa intera, sarà possibile accedere agli spettacoli con la tariffa ridotta (differente da teatro a teatro), nel caso in cui il titolo acquistato fosse già stato a prezzo ridotto, si avrà diritto ad uno sconto di 2 euro.

I teatri coinvolti

I teatri coinvolti nell'iniziativa sono Toniolo e Momo (Mestre), Vivaldi (Jesolo), Russolo (Portogruaro), Romano Pascutto (San Stino di Livenza), Astra (San Donà di Piave), Aldò (Scorzè), Comunale Mirano (Mirano), Villa dei Leoni (Mira), Serafin (Cavarzere), Don Bosco e Auditorium San Nicolò (Chioggia), Teatro del Comune (Cavallino-Treporti) e Comunale Dario Fo (Camponogara). Una rete di teatri, nei quali sarà possibile fruire, come di consueto, di un programma vario, adatto ai diversi target e a tutte le tasche. "Rinnova la cultura" è stato presentato questa mattina al Teatro Toniolo, alla presenza del consigliere comunale Giorgia Pea, e del direttore artistico e del presidente di Arteven, rispettivamente Pierluca Donin e Massimo Zuin. «Fare rete - ha detto Pea - significa mettersi a disposizione, fare un passo indietro per guardare avanti. Questo l'obiettivo di una rete fertile, come quella teatrale della provincia. I cittadini devono sapere che a teatro ci si arrichisce molto e si possono provare emozioni immense».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Valorizzare lo spettatore

L'obiettivo di Arteven, anche con questa iniziativa sperimentale, è quella di aumentare del 30% gli spettatori nell'arco del prossimo biennio. «Si tratta di una strategia per capire come si comporta l'utente non abbonato, individuando il nuovo spettatore che migra, si muove. L'idea è quella di permettere allo spettaore di costruirsi la propria stagione teatrale in maniera autonoma e automatica. Vogliamo valorizzare lo spettatore».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento