rotate-mobile
Cronaca Castello / Riva degli Schiavoni

Venezia, 2,4 milioni per il consolidamento di Riva degli Schiavoni

Progetto approvato dalla giunta, ci vorranno circa 7 mesi. Il sindaco Brugnaro: «Restituiremo l’aspetto originale a un tratto dell'area marciana particolarmente danneggiato dall’acqua alta del 2019»

Un tratto di 150 metri di pavimentazione in Riva degli Schiavoni, a Venezia, sarà ripristinato e consolidato. È quanto stabilito dalla giunta comunale, che ha approvato l'intervento nei giorni scorsi stanziando un importo di 2,44 milioni di euro. In particolare, i cantieri prevedono il rifacimento delle sponde, il ripristino dei rivestimenti in pietra d’Istria, il restauro delle rive, il consolidamento dei sottofondi e il ripristino delle pavimentazioni in trachite. Sono compresi anche la sistemazione di sottofondi e pendenze per il corretto smaltimento delle acque piovane e la risoluzione dei dissesti, aggravati in seguito alle acque alte eccezionali del novembre 2019.

Ci vorranno circa 7 mesi. L'intervento, come spiega il sindaco Luigi Brugnaro, «restituirà l’aspetto originale a Riva degli Schiavoni, che è uno dei tratti dell’area marciana che ha subito i maggiori danni con l’acqua alta del 12 novembre 2019. Sono lavori importanti, per i quali abbiamo reperito i fondi necessari e che hanno comportato anche uno studio storico e una ricerca per l’utilizzo dei materiali che consenta alla Riva di conservare più a lungo il suo aspetto e la sua conformazione». Un ulteriore cantiere, quindi, che si aggiunge a quelli «che in questi tre anni si sono ripetuti tra Venezia e le isole per riparare i danni dell’acqua alta, ma anche per intervenire nei punti che necessitano di manutenzione straordinaria».

Nei carotaggi effettuati nei mesi scorsi si è potuto rilevare come gli avvallamenti presenti lungo questo tratto di banchina non siano dovuti a cedimenti di tipo strutturale relativi al muro di sostegno, ma al dilavamento (l’erosione da parte dell’acqua) del sottofondo, causato sia dalle acque alte sia dalle onde che quotidianamente sbattono sulla fondamenta. Un team subacqueo ha notato che, in alcune aree limitate, è presente anche una erosione del fondale al piede della banchina. Il progetto approvato permetterà di consolidare la banchina senza mai metterla in asciutt.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venezia, 2,4 milioni per il consolidamento di Riva degli Schiavoni

VeneziaToday è in caricamento