menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hotel allagato e trasferimento forzato: vacanza da incubo, risarciti con 1.500 euro

Un gruppo di 8 amici di Martellago si è rivolto all'Adico per i danni morali derivanti dopo le ferie dello scorso agosto in località Fontane Bianche, Siracusa. Allagamenti e disservizi

Avevano vissuto una vacanza da incubo in una località da sogno: Fontane Bianche, in provincia di Siracusa. Tutta "colpa" della struttura in cui erano alloggiati la quale, oltre a presentare da subito problematiche di vario genere, si sarebbe completamente allagata rendendosi inagibile a causa di una pioggia non particolarmente forte. Ora - dopo l’intervento dell’ufficio legale di Adico - otto persone tutte residenti a Martellago hanno ottenuto un risarcimento di 1.500 euro, che va a rimborsare in particolare il danno morale subito a causa della vacanza rovinata.

La villeggiatura del gruppo era cominciata il 19 agosto dell'anno scorso. Qui gli amici avrebbero fin da subito riscontrato diversi disagi e molti disservizi: dal mancato funzionamento dell’aria condizionata in alcune stanze ai rumori creati da due grossi generatori di elettricità (e altro ancora).

Il 23 agosto, però, la situazione è precipitata. Alle 13 ha cominciato a piovere e, come hanno raccontato gli sfortunati vacanzieri, “l’acqua è entrata da tutte le parti, in tutti i piani della struttura, in tutti gli ambienti, cucina, sala da pranzo, camere, ingresso, scale, ascensori. Dopo alcune ore con gli ospiti lasciati in balìa di se stessi e con tutto il personale impegnato a limitare i danni, sono arrivati i vigili del fuoco e hanno cominciato i sopralluoghi”. Alla fine il gruppo è stato trasferito in un’altra struttura a tre ore di distanza da Fontane Bianche. E qui, affrontando ulteriori spese, hanno concluso la loro travagliata vacanza.

Una volta tornati a casa, si sono rivolti allo sportello “vacanza informata” di Adico per farsi tutelare. “Il nostro ufficio legale – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’associazione – ha chiesto un risarcimento al tour operator che ha organizzato il viaggio. In particolare, abbiamo contestato il danno psicologico e morale per vacanza rovinata. Di recente anche la Corte di giustizia europea ha stabilito che tra i danni risarcibili a favore del turista, nel caso di pacchetti, ci sono anche quelli derivanti dalla frustrazione per la vacanza andata male. Questo perché il tour operator vende anche una aspettativa, quella di poter passare un periodo di rigenerazione delle proprie energie psico-fisiche".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento