Cronaca Meolo

«Rischia di esplodere la casa»: falsi tecnici in azione, occhio alla truffa

La segnalazione nei giorni scorsi, in azione due uomini

Tentata truffa a Meolo. La segnalazione risale a lunedì 23 ottobre: due sedicenti operatori, con la scusa di un sopralluogo, si sono presentati a casa di una famiglia in via San Filippo spacciandosi per tecnici dell’acquedotto. Fortunatamente, davanti all’atteggiamento sospettoso e alla prudenza della padrona di casa, la coppia di malviventi ha preferito allontanarsi, dileguandosi a bordo della Fiat Punto con la quale era arrivata.

Il raggiro è rivolto in maniera particolare alle fasce d’utenza più deboli e indifese. Stando al racconto della padrona di casa, i due uomini hanno suonato al campanello per avvisare la famiglia della rottura delle tubature del gas e dell'acqua causate da fantomatici lavori sulla linea. Uno dei due falsi operatori, irriconoscibile dietro la mascherina chirurgica, avrebbe chiesto di poter controllare l'acqua da un rubinetto adiacente al garage dell'abitazione. L'odore sprigionato dall’apertura del getto d’acqua, come da copione, è stato molto forte, probabilmente per lo sversamento in contemporanea di un’apposita sostanza. A quel punto, l’uomo avrebbe invitato la proprietaria dell'abitazione a non chiamare nessuno e a non utilizzare l’acqua per almeno mezz’ora: a suo dire, infatti, in caso contrario la casa avrebbe rischiato di esplodere.

Clicca qui per iscriverti al canale WhatsApp di VeneziaToday

Una segnalazione simile risale allo scorso marzo, quando nel mirino dei truffatori finì un anziano di Vittorio Veneto, che però mostrandosi accorto non cadde nella rete. Piave Servizi, come sempre, invita alla prudenza. «Non sono nostri operatori e nemmeno soggetti incaricati da parte della nostra società. Cogliamo l’occasione, inoltre, per ricordare che nessun nostro addetto visiona contratti e bollette, oppure richiede pagamenti direttamente a domicilio – fa sapere la società del servizio idrico – Invitiamo i cittadini alla massima attenzione e ad allertare le forze dell’ordine». Gli addetti per la lettura dei contatori o per interventi tecnici sono identificabili dal tesserino di riconoscimento e l’identità può essere verificata, in caso di sospetto, al servizio clienti al numero 800 016076.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Rischia di esplodere la casa»: falsi tecnici in azione, occhio alla truffa
VeneziaToday è in caricamento