menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
PIstola sequestrata (archivio)

PIstola sequestrata (archivio)

Rissa in un bar a Marghera e spunta il revolver: finisce in manette un 38enne

Momenti di paura mercoledì quando due persone hanno iniziato a litigare tra i tavoli per poi spingersi in strada. La pistola, poi consegnata ai carabinieri, era illegale: inevitabile l'arresto

I classici "futili motivi". Forse anche il gomito che si alza un po' troppo e la serata finisce in rissa. La differenza però è che questa volta tra i due litiganti è spuntato anche un revolver. Non solo botte da orbi, quindi. La lite, partita tra i tavoli di un locale di Marghera, è poi continuata fuori, in strada, con i due interlocutori a fronteggiarsi l'uno di fronte all'altro. Con coraggio quello che si trovava sotto il tiro della pistola è riuscito a disarmare l'avversario, evitando che tutto finisse in tragedia.

Una volta messosi in salvo, ancora in possesso del revolver, l'aggredito ha deciso di "consegnarlo" alle forze dell'ordine, in modo da assicurarsi che la disavventura si concludesse per davvero: il malcapitato si è recato alla stazione dei carabinieri più vicina e ha "messo al sicuro" la pistola. I militari, però, alla prima occhiata, si sono subito accorti che il numero di matricola sulla canna era abraso.


In poche ore hanno identificato l'aggressore: A.R., 38enne pregiudicato residente a Borbiago di Mira. Gli agenti stamattina l'hanno arrestato con l'accusa di possesso illegale di arma da fuoco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento