menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La festa al bar finisce in rissa, accoltellato 40enne del Sandonatese

Mercoledì sera doveva essere il centenario dell'indipendenza dell'Albania, il suo Paese. Un 28enne, però, ha ingaggiato una zuffa con due cittadini macedoni, finiti al pronto soccorso

La festa finisce in rissa. Prima volano parole grosse, poi spunta anche un coltello dalla lama di 12 centimetri. E dire che doveva essere un giorno da ricordare per il 28enne di nazionalità albanese poi rintracciato dai carabinieri e denunciato per lesioni personali: la sera del 28 novembre scorso, infatti, in un bar di Motta di Livenza si festeggiava il centenario dall'indipendenza del suo Paese natale dall'impero Ottomano.

Invece, come riporta La Nuova Venezia, ha ingaggiato una zuffa con due cittadini di nazionalità macedone, tra cui un 40enne del Sandonatese. La festa è stata molto "rumorosa", tanto che verso le 22 sono dovuti intervenire i carabinieri. Poi, poco prima di mezzanotte, la lite. Il 28enne ha tirato fuori l'arma da taglio e ha colpito uno alla testa e uno alla spalla i suoi due interlocutori.

Al secondo arrivo delle forze dell'ordine i feriti erano sanguinanti a terra, mentre l'aggressore era sparito nel nulla. Accompagnati al pronto soccorso, i due sono stati dimessi rispettivamente con una prognosi di sette e quindici giorni. Grazie alle testimonianze raccolte e all'identificazione di tutti i presenti nel locale durante il primo intervento per schiamazzi, i militari hanno avuto gioco facile nell'individuare l'aggressore e denunciarlo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento