menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scoppia una rissa al distributore di benzina, un uomo raggiunto da una coltellata all'addome

L'aggressione venerdì sera alle 21 lungo via Fratelli Bandiera a Marghera: coinvolti due croati e un romeno. Sul posto volanti della polizia e 118, il ferito non è in pericolo di vita

Aggressione a colpi di arma da taglio venerdì sera nel piazzale del distributore del bar Zenit di via Fratelli Bandiera a Marghera. L'episodio poco dopo le 21: inizialmente il diverbio scaturisce tra due cittadini croati, conoscenti, mentre alcuni testimoni assistono alla scena. I due, rispettivamente di 43 e 56 anni, passano velocemente dalle parole ai fatti: spuntano quelli che possono sembrare dei bastoni (si scopre poi che in realtà si tratta di grossi rami trovati nelle vicinanze), dopodiché i litiganti cominciano a darsele di santa ragione.

La rissa si svolge dapprima dalla parte opposta della strada rispetto al distributore. La situazione precipita quando il più anziano dei due estrae un'arma, un coltello da cucina di una certa lunghezza. Il 43enne cerca di allontanarsi e attraversa la via, i due si fronteggiano nuovamente nel piazzale del bar. Quindi il 56enne riesce a sferrare un fendente contro il rivale, raggiungendolo all'addome. Il romeno, 46 anni, arriva invece solo in un secondo momento per dare man forte a uno dei due.

Il 43enne riporta una brutta ferita, i passanti allertano le forze dell'ordine e il 118. Sul posto si portano le volanti della polizia e gli uomini del Suem, che prestano i primi soccorsi al ferito. Stabilizzato, l'uomo viene trasportato in ambulanza all'ospedale dell'Angelo di Mestre in codice giallo. Per i medici che lo hanno visitato non risulta in pericolo di vita (è stato dimesso con prognosi di 14 giorni). Gli agenti delle volanti individuano e bloccano i protagonisti dell'episodio. A loro spetta il difficile compito di ricostruire con precisione la dinamica della lite, dopodiché si procede con la denuncia dei coinvolti (a seconda delle proprie responsabilità per possesso di oggetti atti a offendere e per lesioni aggravate) e il sequestro delle armi trovate: il coltello e uno dei rami, entrambi lasciati a terra dai facinorosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Incendio in un casolare, stabile sotto sequestro

  • Cronaca

    Venezia, nel weekend è in vigore l'ordinanza anti alcol

  • Cronaca

    L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento