Cronaca

Da oggi si può bere il caffè al bar al banco e mangiare all'interno dei ristoranti

Prime prove di normalità per il Veneto, che dal prossimo 7 giugno passerà in zona bianca. Decade il limite delle 4 persone sedute ad uno stesso tavolo

Prove di zona bianca per il Veneto, in attesa del passaggio ufficiale il prossimo 7 giugno. Da oggi, infatti, riaprono i ristoranti al chiuso, sia a pranzo sia a cena, naturalmente con l'obbligo di mascherina ogni volta che ci si alza dal tavolo, e si può tornare a prendere il caffè al bancone del bar.

Ok a caffè al banco e ristoranti al chiuso

Per quanto riguarda i ristoranti, non ci saranno più un limite massimo di persone sedute al tavolo e sarà quindi nuovamente possibile sedersi a tavola con gli amici. «La strategia delle riaperture graduali scelta dal governo e i sacrifici degli italiani stanno pagando. - ha detto il ministro degli Affari Regionali Mariastella Gelmini commentando i dati epidemiologici in costante miglioramento - La fine dello stato d'emergenza è vicina». L'attuale scade il 31 luglio e non è più prorogabile, ma è probabile che il governo decida comunque di rinnovare il provvedimento, se non altro per garantire ancora l'utilizzo delle mascherine e il distanziamento, la possibilità di utilizzare lo smart working e il lavoro del Commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo.

Il cronoprogramma prosegue e anzi, nelle tre regioni bianche hanno riaperto in anticipo tutti i settori la cui ripartenza era prevista per il primo luglio: piscine al chiuso, centri termali, sale giochi, bingo, casinò, centri ricreativi e sociali, corsi di formazione pubblici e privati. Aperte anche le discoteche, ma solo per somministrazione e ristorazione: insomma, si mangia e si beve ascoltando musica ma non si può ballare. Le stesse misure saranno adottate, ovviamente, anche in Veneto dall'inizio della prossima settimana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da oggi si può bere il caffè al bar al banco e mangiare all'interno dei ristoranti

VeneziaToday è in caricamento