menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Che fatica riscuotere dai Comuni: male Chioggia, paga 2 mesi dopo

Situazione in miglioramento, ma in provincia c'è ancora molto da fare. Studio Cgia: "Il Comune di Mira è l'unico del Veneziano a non aver pubblicato i dati"

Scendono i ritardi dei pagamenti nel nord-est, ma purtroppo non dappertutto. Lo annuncia l'associazione artigiani e piccole imprese (Cgia), che spiega come grazie alle risorse aggiuntive messe a disposizione dallo Stato centrale in questi ultimi due anni e alle misure previste dalla direttiva europea contro il ritardo dei pagamenti, anche i Comuni del Veneto e del Friuli Venezia Giulia cominciano a saldare i propri fornitori in tempi ragionevoli.

Non tutti, come si diceva: rispetto ai termini contrattuali l’anno scorso il Comune di Chioggia ha registrato un ritardo medio dei pagamenti di 62 giorni, guadagnandosi la maglia nera in tutto il nord-est. Seguono Rovigo con 54 giorni e Portogruaro con 49. Ma anche Venezia, tra i Comuni capoluogo di provincia, spicca per la sua situazione negativa: anche a causa della grave situazione finanziaria in cui versa, paga i propri fornitori con 38 giorni di ritardo; a seguire Padova, dopo 27 giorni, e Vicenza, dopo 23.

"La maggioranza dei fornitori e delle aziende che lavorano negli appalti dei Comuni sono piccole imprese – segnala il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi – il fatto che mediamente i tempi di pagamento si siano accorciati è comunque un segnale incoraggiante. Tuttavia non bisogna abbassare la guardia e l’attenzione su questo fenomeno, poiché la mancanza di liquidità continua a mettere a dura prova la tenuta finanziaria soprattutto di queste piccole realtà produttive".

L’analisi, compiuta dall’ufficio studi della Cgia, è avvenuta analizzando i siti internet dei Comuni del Veneto e del Friuli Venezia Giulia: dal 2015 le amministrazioni pubbliche devono pubblicare sul proprio sito istituzionale, nella sezione "amministrazione trasparente", l’indicatore annuale di tempestività dei pagamenti nei confronti dei fornitori e, successivamente, gli indicatori trimestrali. Tra i Comuni "indisciplinati" che non hanno pubblicato il dato nei rispettivi siti internet c'è Mira, unico della Provincia di Venezia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento