Abbattuta la sbarra del passaggio a livello, ancora treni nel caos Pendolari: "Zaia incontraci subito"

Il problema alle 6.25 di mercoledì a Noale. I ritardi hanno sfiorato l'ora sulla linea Venezia - Bassano. Richiesta di faccia a faccia col presidente

Ancora disservizi per i viaggiatori, al punto che il tavolo di coordinamento dei pendolari del Veneto ora chiede un incontro urgente al presidente della Regione Luca Zaia. A causare i problemi mercoledì ancora una volta i passaggi a livello di Noale, che in questi giorni sembrano essere diventati una vera croce per i pendolari della linea ferroviaria tra Bassano e Venezia. Anche mercoledì mattina, infatti, qualche automobilista rimasto ignoto per superare in tempo le barriere in via Tempesta verso le 6.25 ha buttato giù una sbarra. Risultato: ritardi per più di un'ora e viaggiatori imbufaliti. Per l'ennesima volta. Per motivi di sicurezza, su binario unico, i convogli sono costretti a transitare a velocità limitata, in modo da non correre rischi.

Il pericolo è che qualche veicolo senza vedere la barriera possa occupare la linea proprio nel momento di passaggio del treno. In quel caso l'impatto diventerebbe inevitabile. Naturalmente a gestire la situazione si sono subito precipitati i tecnici di RFI e gli uomini della polizia ferroviaria. Nessun pericolo dunque per gli automobilisti, ma come detto i ritardi si sono fatti pesanti. Otto seconto Trenitalia i regionali che hanno registrato rallentamenti fino a quaranta minuti, mentre due convogli si sono visti limitare la propria corsa. Dalle 7.50 in poi la situazione è progressivamente migliorata.

Ad avere la peggio sono stati i passeggeri del regionale 5705 delle 6.25 partito da Bassano e diretto a Venezia Santa Lucia: è arrivato in laguna con 34 minuti di ritardo. Il successivo regionale 5706 partito da Venezia alle 6.56 ha raggiunto Bassano con 24 minuti di ritardo, grossi disagi, e non poteva essere altrimenti, per il regionale 5792 delle 5.56, il primo a doversi misurare con il problema al passaggio a livello. Ritardo di 51 minuti all'arrivo a Bassano. I convogli delle 7.25 e delle 7.04 diretti in laguna hanno totalizzato rispettivamente rallentamenti per 45 minuti e 20 minuti.

Una situazione, dopo anche i disagi patiti negli scorsi giorni, che ha indotto il coordinamento dei comitati dei pendolari del Veneto a protocollare in Regione martedì una richiesta di incontro urgente con il presidente Luca Zaia in vista dell'entrata in vigore dell'orario ferroviario 2015, per portare le proprie proposte di miglioramento del sistema cadenzato introdotto nei mesi scorsi: "I problemi che affliggono le linee rimangono irrisolti - scrivono - inutile sottolineare che queste mancanze creano disagio a diverse migliaia di famiglie e persone".

LA RABBIA DEI PENDOLARI IN STAZIONE

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Grosso giro di prostituzione in due locali: prestazioni fino a 1500 euro a notte, 5 persone in arresto

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Ladri in fuga sui tetti, braccati con l'elicottero e catturati

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

  • Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Torna su
VeneziaToday è in caricamento