Roberto Cicutto è il nuovo presidente della Biennale di Venezia

L'annuncio questa mattina da parte del ministro dei Beni culturali Dario Franceschini. Prende il posto di Paolo Baratta

Foto ©Ansa

«Sarà il veneziano Roberto Cicutto il nuovo presidente de La Biennale di Venezia». A comunicarlo è stato il ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini, che ha avviato questa mattina la procedura di nomina. «Una candidatura prestigiosa per una delle più importanti istituzioni culturali italiane», ha commentato Franceschini. Cicutto subentra a Paolo Baratta.

Nuovo presidente della Biennale di Venezia

«Negli ultimi anni la Biennale ha vissuto un processo di rinnovamento in tutti i settori di attività e ha incrementato la sua già notevole fama sulla scena internazionale - ha concluso Franceschini - Questo è stato possibile grazie al prezioso lavoro di Paolo Baratta e della sua squadra che ringrazio. Sono certo che Baratta, con la sua autorevolezza, continuerà a impegnarsi per La Biennale».

Auguri per il nuovo incarico sono arrivati, tra gli altri, dal governatore Luca Zaia, «ricordando che Cicutto eredita una macchina super performante sia sul fronte della Mostra del Cinema sia su quello della Biennale Arte e Architettura». «Noi - ha aggiunto Zaia - abbiamo difeso la proroga di Baratta, certi che abbia fatto un buon lavoro in tutti questi anni: lascia una Biennale con i conti a posto, una Mostra del Cinema in grande spolvero. Le esposizioni di Arte e Architettura hanno raggiunto una visibilità mediatica internazionale unica. La nomina è una prerogativa del ministro e Cicutto ha il curriculum giusto per questo incarico: questa mattina mi hanno chiamato sia il ministro, che mi ha presentato e motivato la scelta, sia Cicutto al quale ho rivolto il mio in bocca al lupo. Sarà giudicato sulla base dei risultati e del contesto nel quale opererà. La biografia professionale testimonia che egli sicuramente saprà raccogliere l’eredità di Baratta, traghettando l’istituzione culturale veneziana verso nuovi successi».

Il sindaco Luigi Brugnaro ha commentato: «A nome di tutta la città e personale, auguro al nostro concittadino Roberto Cicutto un buon lavoro per l’importante ruolo conferitogli. Ho già avuto modo di sentirlo telefonicamente e ci incontreremo a breve a Ca’ Farsetti. A Paolo Baratta il più sincero grazie per l’impegno e la tenacia con cui in questi anni è stato in grado di dare a La Biennale e alle sue prestigiose attività un ruolo sempre più internazionale e di assoluto livello. Un lavoro importantissimo che ha contribuito a fare di Venezia un luogo d’avanguardia e proiettato verso il futuro».

Roberto Cicutto

Cicutto dal 2009 ricopre la carica di presidente e amministratore delegato di Istituto Luce-Cinecittà srl. Nato a Venezia nel 1948, ha lasciato la cittaàdopo aver conseguito la maturità classica al liceo Marco Polo. Si è quindi trasferito a Roma, dove ha intrapreso la carriera cinematografica. Nel 1978 ha fondato la società di produzione Aura Film, con cui ha vinto, dieci anni dopo, il Leone d'oro a Venezia per "La leggenda del santo bevitore" con la regia di Ermanno Olmi. Nel 1984 ha costituito la società Mikado Film, con cui ha distribuito e prodotto film dei più rappresentativi registi italiani e stranieri. Nel 1993 con Angelo Barbagallo, Nanni Moretti e Luigi Musini ha fondato la Sacher Distribuzione; è stato inoltre partner di Ermanno Olmi nella società di produzione Cinemaundici. Nel 1994, in occasione del centenario della nascita del cinema, è stato insignito dal presidente della Repubblica del titolo di commendatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento