rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca Scorzè

Clara Caverzan torna con un romanzo erotico, ex sindaco di Scorzé in libreria

Quattro anni fa, quando era primo cittadino, l'autrice fece scandalo dando alle stampe la sua prima opera letteraria "a luci rosse". Ora, che non ha cariche, è di nuovo in pista con un libro

"Desideria", il libro scandalo di una sindachessa del Nordest. Così venne definito il romanzo che Clara Caverzan, allora 56enne primo cittadino di Scorzé, diede alle stampe. E lo "scandalo" non era politico, e nemmeno di carattere "amministrativo". Ciò che fece arrossire un paese intero è che quell'opera letteraria si trattava di un romanzo erotico. Che non si fermava sulla soglia della camera da letto, ma ci entrava eccome. Descrivendo nei minimi particolari abitudini, perversioni e, soprattutto, ipocrisie di una paese del Veneziano qualunque.

Ora Clara Caverzan, che non è più primo cittadino, torna "in pista" con un nuovo libro: "Goodbye, Habibi!", romanzo che "già dal titolo si presenta più provocatorio del primo, in quanto evidenzia una tematica sempre sottaciuta dai mass media - spiega l'editore Edizioni Anordest - che è quella del turismo sessuale femminile. Un fenomeno mondiale paragonabile, se non superiore, a quello maschile, che interessa tante donne che si dirigono verso certi paesi proprio alla ricerca di facili evasioni sessuali a pagamento, versione appena più aggiornata e ingentilita di un certo schiavismo d’antan".

Nella trama quindi Virginia, senza rendersene conto, si ritrova a nuotare in questo mare fetido pensando di bagnarsi nell’acqua trasparente dei Caraibi. "Goodbye, Habibi!" è a suo modo un romanzo d’amore, lo sforzo di Virginia di rifarsi una vita dopo tante delusioni per un matrimonio che va a rotoli, segnato anche dalla violenza gratuita di un marito forte solo del suo potere economico.

L’erotismo segna i momenti più "di rottura" di questa donna non più giovane alla ricerca spasmodica di una vita completa senza tabù e, soprattutto, di se stessa. A un certo punto, in Egitto, crede di aver trovato tutto ciò in Bahr, un nubiano che trasforma tutti i sogni di Virginia in realtà. Prima del "colpo di teatro" finale il Nordest entra nella storia come complemento "negativo" alla vita da sogno che la protagonista sta scoprendo, dove gli amici non sono solo buoni per fare numero a tavola.


Ma sarà veramente così? "I molteplici piani di lettura, un linguaggio eroticamente pregnante, diretto, crudo e senza infingimenti, la denuncia della disgregazione della famiglia e la ricerca di surrogati più o meno soddisfacenti, ci coinvolgono direttamente mettendoci di fronte a tante nostre responsabilità", spiega l'editore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clara Caverzan torna con un romanzo erotico, ex sindaco di Scorzé in libreria

VeneziaToday è in caricamento