Arrestato in hotel un pluriomicida russo latitante

Si trovava a Noventa di Piave ed è stato raggiunto dai carabinieri

Il ritrovamento dei corpi delle persone assassinate, nel 2019 (© Investigative Committee of the Russian Federation)

Aveva preso alloggio l'altra notte in un hotel di Noventa di Piave e la registrazione delle sue generalità ha fatto scattare l'alert della banca dati delle forze dell'ordine: un ricercato internazionale, segnalato come potenziale soggetto pericoloso dall'interpol. Così i carabinieri della compagnia di San Donà sono andati a prenderlo. È emerso dalle verifiche che l'uomo, un russo di 51 anni, è accusato di essere stato membro di un gruppo criminale attivo nella zona di Mosca: secondo la magistratura russa, sarebbe lui ad avere organizzato un omicidio compiuto nel 2012 in un appartamento nella città di Ramenskoe in cui furono uccise quattro persone: una coppia e due ignari ospiti. L'uomo non sarebbe tra gli esecutori materiali dell'omicidio ma, appunto, tra coloro che lo hanno preparato.

In carcere

I carabinieri hanno quindi applicato nei suoi confronti l’arresto provvisorio ai fini dell'estradizione verso la Federazione Russa, portandolo per ora al carcere di Venezia. L'uomo si trovava nell'albergo assieme alla moglie e al figlio, che alloggiava in una stanza separata. Risulta residente da anni in un paese vicino a Malaga (Spagna) ed è ricercato dal 2013, mentre il mandato di arresto del tribunale di Mosca (per il reato di associazione per delinquere finalizzata all’omicidio di più persone) risale allo scorso anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anni di latitanza

L'uomo, stando alle informazioni emerse, si occupava di riciclaggio e investimenti anche nell'ambito dell'acquisizione di terreni. L'omicidio potrebbe essere collegato proprio al fatto che la coppia uccisa era proprietaria di terreni di grande valore. Le indagini fatte in Russia hanno accertato che l'uomo arrestato a Noventa fu incaricato dal "capo" di organizzare l'omicidio della coppia, e così fece. Non è dato sapere perché il russo si trovasse a Noventa: lui ha dichiarato di esserci andato per fare shopping all'outlet.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento