rotate-mobile
Cronaca Santa Maria di Sala

Safilo: via al maxi contratto di solidarietà per 700 lavoratori salesi

Siglato venerdì sera l'accordo tra azienda e sindacati per evitare l'esubero di circa 1000 lavoratori, annunciato dopo l'uscita del marchio Armani e il calo del fatturato pari al 20%

Pare essersi finalmente chiusa la vertenza Safilo, grazie all'intesa siglata venerdì sera a Santa Maria di Sala, tra impresa e sindacati, per evitare l'esubero di circa 1000 lavoratori, annunciato dall'azienda l'11 maggio, dopo la perdita della licenza del marchio Armani, passato a Luxottica.

Certo non tutti i nodi sono stati sciolti, tuttavia le parti sociali considerano, date le condizioni di partenza, positivo il compromesso al quale si è giunti. L'accordo - c'è anche da dire - è stato accettato "con riserva" dai sindacati, dunque la via per la conferma definitiva non è ancora giunta al termine: nel corso delle assemblee che si terranno i giorni 18, 19 e 22 giugno sarà sottoposto al giudizio dei lavoratori.

Di quei 1000 esuberi annunciati, risultato di una contrazione del fatturato pari al 20% (di 1,1 miliardi di euro, nel 2011), 35 erano previsti, in particolare, a Santa Maria di Sala (su 800), 550 a Longarone (Belluno, su 1.250 dipendenti) e 100 a Padova (su 800).

La via d'uscita decisa venerdì prevede la riduzione degli esuberi a 670, realizzata attraverso l'uscita di 114 lavoratori a tempo determinato, i cui contratti non sono stati rinnovati, poi attraverso il recupero di attività destinate a stabilimenti esteri.

Sarà avviato, avvisano i sindacati, un maxi contratto di solidarietà che tutelerà quasi 2.000 lavoratori nei 3 stabilimenti veneti: 240 a Martignacco (Udine), 1.250 a Longarone (cioè a tutti) e a 700 di Santa Maria di Sala. Attraverso tale strumento verrà ridotto il loro orario giornaliero di lavoro e allo stesso modo lo stipendio, ma, attraverso l'Inps, sarà integrato il salario perduto per il 60%. Salva, in sostanza, solo Padova.

La Safilo, infine, si è impegnata a investire diversi milioni di euro per gli stabilimenti. Nelle scorse settimane, si era giunti quasi al punto di rottura nella trattativa, i sindacati erano pronti ad uno "sciopero ad orologeria", nel caso in cui l’azienda ieri non fosse tornata indietro sui propri passi. Soddisfazione viene espressa da più parti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Safilo: via al maxi contratto di solidarietà per 700 lavoratori salesi

VeneziaToday è in caricamento