menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tagli alla sanità, il grido d'allarme: "Le persone con disturbi mentali sono abbandonate"

Martedì incontro sulla salute mentale. Psichiatri e familiari parlano di crisi: "70mila assistiti in Veneto, ma gli investimenti sono più bassi della media italiana"

Salute mentale, è crisi dopo che la Regione ha confermato i tagli ai servizi. Secondo le associazioni degli psichiatri e i familiari delle persone con disagio mentale, in Veneto "mancano politiche adeguate" e sono stati "dimenticati i bisogni delle persone con disturbi mentali". L'allarme ora assume la forma di una lettera aperta: "La Regione mostra di non dare la necessaria importanza alla salute mentale - scrivono - considerando le persone con disturbi mentali cittadini di serie B. Anche le nuove linee di indirizzo per la riorganizzazione delle aziende indicano la riduzione delle unità operative complesse di psichiatria, a conferma dei tagli ai servizi".

Non solo. Lodovico Cappellari, coordinatore Psi.Ve., ricorda: "A parte i confermati tagli, nel documento della V commissione non è rintracciabile un solo parere articolato in merito alla salute mentale. Eppure andrebbero organizzate in modo adeguato le attuali unità, chiamate a gestire reparti ospedalieri con 15-16 posti letto. Specialmente le grandi Ulss di Treviso, Padova, Venezia, Verona. Questo invece è un segnale di chiaro disinteresse da parte della politica". Tanto che le associazioni minacciano di rinunciare a ogni forma di collaborazione con la Regione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Veneto le persone assistite per problemi di salute mentale sono oltre 70mila. "Giovani, donne e uomini con disagi diversi e talvolta gravissimi - spiegano gli specialisti - Ci sono anche quelli che, avendo commesso reati in condizioni di malattia mentale, nel recente passato erano internati negli ospedali psichiatrici e ora sono in capo ai servizi sociosanitari territoriali". Eppure, sempre secondo i dati presentati martedì, in Veneto l'investimento destinato alla salute mentale è inferiore alla media italiana, ovvero il 2,9% (contro il 5%).

Il punto della situazione è stato fatto in opccasione della giornata mondiale della salute mentale nella sede dell’Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Venezia. Presenti Lodovico Cappellari, coordinatore di Psi.Ve, sezione veneta della Società italiana di Psichiatria (SIP); Tali Corona, presidente di Aitsam, Associazione italiana Tutela salute mentale; Giuseppe Pettinati, presidente di “Il Sole di notte”, associazione utenti salute mentale; Dario Lamonaca, coordinatore di Sirp Triveneto, Società italiana di Riabilitazione psicosociale; Gerardo Favaretto, vicepresidente di SIP, Società italiana di Psichiatria; Bruno Forti, rappresentante del Collegio dei Clinici e dei Professori di Psichiatria della Regione Veneto
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento