Scivola in acqua e rischia di annegare a fondamente Nove: "Chi l'ha salvato? Un eroe"

E' successo alle 4 di mercoledì. Un turista si aggrappa a una palina ma sta per perdere i sensi: "Un pilota Sanitrans l'ha tenuto a galla a forza di braccia fino all'arrivo del 118"

"Che dire, un vero eroe. L'ha tenuto a galla a forza di braccia in attesa che arrivasse un altro equipaggio. Il turista sarebbe morto". A parlare è un testimone che verso le 4 di mercoledì mattina ha assistito al salvataggio di un cittadino americano finito in acqua alle fondamente Nove, non lontano dall'ospedale Civile. A salvarlo il pilota di un'imbarcazione della Sanitrans, azienda specializzata in trasporti e servizi sociosanitari, assieme alla guardia medica che stava trasportando al nosocomio lagunare.

Urla e richieste d'aiuto

A un certo punto, quando ancora tutt'attorno era buio, i 2 hanno udito le urla del turista, che era aggrappato a una palina all'altezza della società Canottieri Querini. Per qualche motivo, forse complice l'alcol, aveva perso l'equilibrio ed era finito in acqua, annaspando e cercando di tenersi per quanto possibile a galla attaccandosi alla palina. Pochi minuti e avrebbe perso le forze: il freddo iniziava a farsi sentire e l'uomo appariva sempre più in difficoltà per un principio di ipotermia. Per questo motivo il conducente del natante, che avrebbe anche danneggiato l'imbarcazione per cercare di avvicinarsi il più possibile al "naufrago", ha subito cambiato la rotta e ha cercato di prestare i primi soccorsi.

Giunto un equipaggio del 118

Immediata la richiesta d'intervento al 118, che ha inviato sul posto un'idroambulanza. Medico (un'ostetrica) e pilota hanno lanciato una cima e hanno cercato di issare a bordo l'americano, che però non era quasi più in grado di collaborare. Per questo motivo ci sono volute altre 3 persone per riportarlo all'asciutto, ma prima dell'arrivo dei "rinforzi" sarebbe stato il giovane conducente Sanitrans a tenere lo sventurato con la testa fuori dall'acqua a forza di braccia.

"Giusto dare risalto al loro comportamento"

Quando l'emergenza si è chiusa, il turista stava quasi per perdere i sensi: è stato riscaldato e subito trasferito in ospedale, distante poche decine di metri, dove è stato sottoposto ad accertamenti. Per fortuna si è sempre mantenuto cosciente, ma se tutto si è concluso per il meglio deve ringraziare la prontezza di spirito del medico e del conducente: "Senza di loro - conclude il testimone, che ritiene che un'azione del genere debba avere giusto risalto sui media - l'uomo avrebbe con ogni probabilità perso la vita". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

  • Il Veneto sarà ancora in area arancione da domani: cosa si può fare e cosa no

Torna su
VeneziaToday è in caricamento