menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'incertezza aumenta, i lavoratori del San Camillo e di Stella Maris pronti allo sciopero

Dipendenti preoccupati per il destino degli istituti di cura: "Nonostante le promesse, nessuna azione concreta". Calendario di iniziative, culmine il 10 aprile con l'astensione dal lavoro

Dopo l’incontro avuto il 6 dicembre in Prefettura poco è cambiato per San Camillo e Stella Maris. Lo fanno presente Daniele Giordano (Cgil-Fp), Carlo Alzetta (Cisl-Fp) e Piero Polo (Uil-Fpl): "I lavoratori denunciano lo stato di abbandono delle due strutture e una totale assenza di programmazione - spiegano - Da due anni vivono una condizione di incertezza a seguito di annunci di possibili cessioni. Sempre più spesso il personale guarda ad altre possibilità occupazionali e vive in uno stato di emergenza che determina continui spostamenti che ricadono sulle condizioni di lavoro e sui pazienti e ospiti".

"La Regione non interviene"

A questo, secondo i sindacati, si aggiunge "il non mantenimento degli impegni assunti in prefettura rispetto alla presentazione del piano di investimenti e del rilancio delle strutture". "Entrambe le strutture sono all’interno della programmazione regionale - continuano - e per questo riteniamo che la rappresentanza istituzionale non possa esimersi da assumere le responsabilità che le competono. Per queste ragioni l’assemblea decide di indire/confermare lo stato di agitazione del personale".

Assemblee, presìdi e sciopero

Ecco dunque il programma di iniziative: assemblea pubblica il prossimo 13 marzo al Consiglio regionale del Veneto; volantinaggi e presidi ai mercati del Lido, Pellestrina e Chioggia; sciopero generale il 10 aprile con manifestazione a Venezia. "Informeremo l’utenza di quanto sta avvenendo e coinvolgeremo la cittadinanza - concludono - perchè l’abbandono delle strutture ha una rilevanza sia sui servizi socio sanitari che sulla tenuta economica e occupazionale del nostro territorio. Auspichiamo che le forze politiche, la proprietà e le istituzioni diano risposte concrete, o le azioni di lotte saranno inevitabili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

  • Cronaca

    Morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

  • Incidenti stradali

    Grave incidente tra mezzi pesanti in A4: un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

  • social

    Il gobbo di Rialto e la storia dell'ultimo bacio dei fustigati

  • Ristrutturare

    Bonus mobili 2021: come funziona e come ottenerlo

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento