menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferita al collo con un rasoio dall'ex marito. Caccia all'uomo a San Donà di Piave

Aggressione nella mattinata di sabato sotto al ponte del parco fluviale. Una 48enne è stata trasportata all'ospedale cittadino. I carabinieri cercano una Tiguan di colore scuro

Un'aggressione violenta da parte dell'ex marito. Nella mattinata di sabato, poco prima delle 9, è stata trasportata all'ospedale di San Donà una donna di 48 anni, di nazionalità ucraina e residente in città. Era cosciente ed è stata in grado di raccontare l'accaduto alle forze dell'ordine. L'aggressore, bosniaco di 53 anni, l'ha colpita con un rasoio, ferendola in tre punti: a una spalla, ad un polso e al collo. È stato quest'ultimo taglio a causare la maggior preoccupazione: pochi millimetri più in là e sarebbe stata colpita la carotide, mettendo a serio rischio la vita della donna. Fortunatamente così non è stato.

Subito dopo l'uomo (residente in Germania ma domiciliato in zona Portogruaro) è fuggito mettendosi alla guida della sua macchina, una Tiguan di colore scuro. Immediatamente è stato lanciato l'allarme e sul posto si sono precipitati i soccorsi del 118. La donna è stata caricata in ambulanza e portata via. Nel frattempo i carabinieri hanno dato il via alla caccia all'uomo. Diversi testimoni hanno assistito alla scena, avvenuta nell'area del parco della golena accanto al fiume, al di sotto del ponte della Vittoria.

Accertamenti sono in corso per ricostruire con maggiore precisione quanto accaduto. Secondo la vittima dell'aggressione, che ha riportato ferite guaribili in circa un mese, i due avrebbero avuto un appuntamento. L'uomo, infatti, non si sarebbe rassegnato alla conclusione della loro storia ed era tornato in Italia con ogni probabilità giocandosi il tutto per tutto. Convinto di poter recuperare il rapporto che aveva in precedenza con la 48enne. All'improvviso le cose hanno preso una brutta. Per ora non è stato trovata la lama utilizzata per ferire la donna. La vittima, ricoverata in stato di choc, è stata sottoposta alle cure del caso e non è pericolo di vita. Una nota è stata diramata a tutte le forze dell'ordine, compreso l'Interpol. I carabinieri sono a conoscenza di targa e modello del veicolo, ma la caccia all'uomo durante la giornata di sabato continuava ancora.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento