Cronaca San Marco / Piazza San Marco

Rialzo di San Marco e barriere a protezione della basilica: a fine mese risposte definitive

Entrambi i progetti dovrebbero essere approvati nelle prossime settimane, rispettivamente da Provveditorato alle opere pubbliche e Mibact

È atteso entro fine gennaio al Provveditorato alle opere pubbliche del Triveneto, per l'approvazione definitiva, il progetto esecutivo di "Insula", l'intervento previsto dal programma di salvaguardia per Venezia che prevede la messa in sicurezza e il rialzo della zona di Piazza San Marco. Come riporta l'agenzia Ansa, lo ha riferito l'ingegner Francesco Sorrentino, responsabile unico del programma presso il Provveditorato, durante l'audizione alla settima Commissione del Senato sui progetti per Venezia.

Il progetto, elaborato dalle aziende e dai progettisti del Consorzio Venezia Nuova nell'ambito delle opere legate alla costruzione del Mose, ha già ottenuto le autorizzazioni della Soprintendenza e della Commissione di Salvaguardia. Del costo complessivo dell'opera, circa 39 milioni di euro, è già previsto un primo stralcio di 11,5 milioni che dovrebbe consentire gli interventi di prima messa in sicurezza.

Nello specifico, si tratta di un'impresa fatta di tanti interventi mirati e minuziosi, che renderà l'area marciana impermeabile alle maree fino a 110 centimetri sul livello del medio mare: ristrutturazione dei cunicoli sotterranei, rialzi, valvole e piccole paratoie, pompe, allacci fognari. La realizzazione prevede un grosso lavoro sotterraneo, perché uno dei passaggi più importanti e delicati riguarda i cunicoli che si trovano al di sotto della piazza. È da lì che, quando la marea sale, l'acqua filtra e fuoriesce, allagando la superficie. I cunicoli (in mattoni, alcuni con copertura a volta) andranno scoperchiati, restaurati, impermeabilizzati e ricostruiti esattamente com'erano.

Barriere di cristallo

Sempre entro gennaio il Mibact dovrebbe rilasciare l'autorizzazione definitiva al progetto per le barriere in cristallo a protezione della Basilica di San Marco, previsto per proteggere provvisoriamente l'edificio dalle maree medio-alte, nel periodo di sperimentazione del Mose che si alza solo con previsioni di 130 centimetri di marea. Lo ha riferito in Commissione la soprintendente, l'architetto Emanuela Carpani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rialzo di San Marco e barriere a protezione della basilica: a fine mese risposte definitive

VeneziaToday è in caricamento