menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sassaiola contro il bus e le auto dopo essere stato trovato senza biglietto: in manette

Un 26enne bloccato dai carabinieri a Calvecchia di San Donà. Lo scalmanato non si è tranquillizzato neanche una volta portato nelle camere di sicurezza. È stato sedato

Trovato a bordo di un bus Atvo senza il biglietto, si ribella e scatena un putiferio. È successo alle 16 di martedì nella zona di Calvecchia di San Donà. Il giovane ha cominciato ad inveire e minacciare i controllori che lo avevano invitato ad esibire il titolo di viaggio, così i dipendenti della società di trasporto, dato il comportamento alterato e per evitare che altri passeggeri rimanessero coinvolti, lo hanno fatto scendere, chiamando intanto il 112.

Resistenza e sassaiola

Sul posto sono arrivati i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di San Donà. Il ragazzo era in evidente stato di alterazione e aveva iniziato a scagliare contro l’autobus dei sassi raccolti dal ciglio della strada. Uno di questi, oltretutto, ha infranto un finestrino, fortunatamente senza danni per chi stava all'interno. Nel frattempo è giunta un'altra pattuglia. La sassaiola è proseguita anche nei confronti di un’auto dell’Atvo e di altri veicoli di passaggio, mentre il giovane si allontanava cercando di fuggire dalle forze dell'ordine. Alla fine, comunque, i militari lo hanno raggiunto e immobilizzato.

Sedato dai sanitari

Lo scalmanato è stato identificato per G.B.C., 26enne romeno residente a Torre di Mosto con alle spalle molti precedenti per reati di vario genere: resistenza, violenza, rissa, ubriachezza molesta, furti e spaccio. Lo stato di alterazione, secondo i carabinieri, era dovuto probabilmente anche ad una fase acuta della tossicodipendenza per cui il giovane risulta essere in cura al Serd. Anche una volta portato nella camera di sicurezza non si è calmato: si è scagliato contri i muri, stracciandosi gli abiti e distruggendo il letto. Per procedere alle operazioni di fotosegnalamento è stato necessario l'intervento dei sanitari del 118, che lo hanno sedato.

In carcere

Per i fatti di martedì è accusato dei reati di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato ed interruzione di pubblico servizio. La mattina successiva è stato accompagnato al tribunale per la direttissima e sottoposto a custodia cautelare in carcere per i prossimi 6 mesi, prima dello svolgimento del processo. Dai carabinieri saà avanzata richiesta del foglio di via obbligatorio dal comune di San Donà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento