Lanciavano sassi dai cavalcavia: tre giovanissimi denunciati

I carabinieri hanno individuato i responsabili di una serie di atti di vandalismo avvenuti a Mira. Due sono minorenni. Colpivano le auto parcheggiate, in almeno due casi hanno preso di mira veicoli in corsa

Sono «studenti di buona famiglia e incensurati», secondo i carabinieri, i tre giovanissimi (nati rispettivamente nel 1999, 2001 e 2003) denunciati in queste ore per danneggiamento ai danni di autovetture e per attentato alla sicurezza dei trasporti. Le segnalazioni al 112 sono arrivate da parte di automobilisti i cui veicoli erano stati colpiti da sassi, tutti episodi avvenuti negli ultimi mesi in corrispondenza di diversi cavalcavia di Mira sovrastanti la linea ferroviaria, strade e autostrade.

Sassi contro le auto

Due le vicende più pericolose, ovvero quelle in cui a essere prese di mira erano state due automobili che stavano transitando lungo l'autostrada: solo gli attenti riflessi dei guidatori avevano impedito conseguenze peggiori. Altre quattro persone avevano invece denunciato danni a vetri e carrozzerie delle rispettive macchine lasciate nei parcheggi (quello della stazione ferroviaria di Marano e quello dell'IperLando, lungo la Romea). È probabile, comunque, che gli episodi siano anche di più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indagini

I carabinieri della tenenza di Mira, coordinati dal comandante Massimo Andreozzi, hanno collegato gli episodi e sono arrivati in poche settimane ad individuare i responsabili, un gruppetto di giovani del posto. I ragazzi sono stati convocati a turno in caserma e, messi alle strette, hanno ammesso le loro colpe. È emerso che i tre erano soliti ritrovarsi per passare il tempo libero sopra i cavalcavia, dove si davano a questo pericolosissimo "gioco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento