menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scabbia a Noale: due casi all'asilo e quattro nel reparto di ospedale

Colpiti dal problema due bambini della scuola d'infanzia della città. Anche un paziente e tre operatori socio-sanitari del reparto di lungodegenza

Ha fatto capolino nei luoghi più frequentati. In un asilo e in un reparto ospedaliero. Due casi di scabbia nelle ultime settimane sono stati segnalati a Noale: venerdì scorso la dirigente scolastica della scuola dell'infanzia della città dei Tempesta, infatti, ha inviato una comunicazione ai genitori avvertendo che nella struttura di via Fonda due bambini non erano venuti a lezione perché colpiti da scabbia. Nessun problema per le attività didattiche naturalmente. Ma "riposo" forzato per i due piccoli. Non è la prima volta che nella città dei Tempesta si registrano casi del genere in un asilo. Quello della frazione di Briana a ottobre venne chiuso per una mattinata per permettere delle pulizie di fondo dopo che i genitori di un bambino segnalarono il problema.

A segnalare però prurito persistente e delle caratteristiche macchioline tra le dita (i sintomi classici della scabbia) nelle settimane scorse sarebbe stato un paziente anziano ricoverato nel reparto di lungodegenza dell'ospedale. Subito sono scattate le contromisure del dipartimento di igiene pubblica dell'Ulss 13. Come protocollo impone, il paziente è stato sottoposto a profilassi. Così come tutti coloro che potevano entrare in contatto in maniera duratura con lui.

In seguito, poi, a manifestare di nuovo i sintomi della scabbia sono stati tre operatori socio-sanitari in servizio sempre nello stesso reparto ospedaliero, che nelle sue attività non ha subito alcuna ripercussione. Bastano infatti prodotti specifici (come creme o pomate) e seguire misure igieniche elementari per debellare il problema.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento