menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri forestali

Carabinieri forestali

Norme complesse per smaltire gli inerti: sbagliano e violano la legge. Estinto il reato

L’irregolarità individuata nel corso di verifiche svolte dal comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare dei carabinieri

Scarti di materiale inerte conferiti alla Italscavi di Mogliano Veneto: non ci saranno conseguenze per 28 imprenditori, titolari di 15 aziende edili con sede nelle province di Treviso, Padova, Venezia e Pordenone, tra cui anche i vertici della Italscavi, tutti accusati di reati ambientali in relazione a incomplete documentazioni riguardanti materiali da conferire in discarica. Il reato è estinto. La notizia su TrevisoToday

Secondo le indagini gli imprenditori edili avrebbero conferito gli scarti inserendo nella documentazione una semplice autocertificazione sulla natura dei rifiuti e non una descrizione corretta del materiale. L’irregolarità era stata individuata nel corso di una serie di verifiche a campione svolte dal comando unità per latutela forestale, ambientale e agroalimentare dei carabinieri, che durante la fase investigativa avrebbero fatto emergere decine di violazioni, avvenute in un periodo a cavallo tra il 2014 e il 2015, dovute però non a un intento criminale ma piuttosto a errori a catena nella compilazione della documentazione di accompagnamento del rifiuto, che avrebbe dovuto essere smaltito proprio dalla Itlascavi. Una svista nella redazione delle certificazioni dovuta, è emerso nel corso del dibattimento, a una errata comprensione della complessa normativa in materia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento