rotate-mobile
Cronaca

Tagli: incubo licenziamenti Actv, l'8 aprile sciopero di bus e vaporetti

Di fronte al calo dei trasferimenti regionali l'assessore alla Mobilità mette nel mirino i costi per il personale. L'Usb annuncia l'agitazione di 24 ore

AGGIORNAMENTO 14 GIUGNO: ADESIONE ALTISSIMA

I tagli "supplementari" decisi dalla Regione sui trasferimenti per il trasporto pubblico locale rischiano di ricadere direttamente sulle spalle dei dipendenti Actv. Lo ha fatto intendere chiaramente l'assessore alla Mobilità Ugo Bergamo, che ha dichiarato, le cui frasi poi sono state riprese dei quotidiani locali, che l'unica voce di bilancio che può essere "sforbiciata" è quella del costo del personale, che incide per il 60% sul totale.

SCARICA TUTTI GLI ORARI E LE CORSE GARANTITE

In tre anni la Regione ha tagliato 25 milioni di euro ad Actv, che ora quindi dovrà fare di necessità virtù. Le tariffe non si possono toccare, così come anche il numero delle corse, già diminuite rispetto al passato per far fronte ai tagli precedenti. Quindi? L'unica strada sembrerebbe essere quella del blocco del turn over, della revisione del numero degli stagionali e una mannaia riguardo ai "premi aziendali". Oltre al blocco delle assunzioni, naturalmente. All'orizzonte si profila quindi una decisa vertenza aziendale, anche se ancora non ci sarebbe nulla di deciso dai dirigenti Actv. L'Usb, intanto, ha organizzato uno sciopero di 24 ore per lunedì 8 aprile.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli: incubo licenziamenti Actv, l'8 aprile sciopero di bus e vaporetti

VeneziaToday è in caricamento