Sciopero dei trasporti il 29 e 30 maggio, orari e fasce garantite

Mentre i sindacati spiegano i motivi della protesta, Actv ha comunicato quali saranno gli orari in cui sarà comunque possibile usare i mezzi pubblici

Ancora uno sciopero di 24 ore a Venezia, questa volta previsto per i giorni 29 e 30 maggio. Ad annunciarlo è l'organizzazione sindacale Usb Lavoro Privato che, in un comunicato di fuoco, sottolinea come l'agitazione non solo coinvolgerà quanti usano quotidianamente i mezzi di trasporto pubblico, come vaporretti, autobus e tram, ma anche coloro che venerdì dovranno prendere l'aereo.

ORARI E FASCE GARANTITE – Mentre i sindacati espongono le loro rimostranze e spiegano i motivi dell'ennesima protesta, a Venezia Actv ha comunicato quali saranno di preciso gli orari in cui sarà comunque possibile salire a bordo dei mezzi pubblici e quali i servizi che subiranno variazioni a causa dello sciopero: il servizio automobilistico sarà garantito nelle consuete fasce orarie, ovvero dalle 6 alle 8.59 e dalle 16.30 alle 19.29. Il People Mover e il servizio di call center Hellovenezia 041.2424 saranno operativi regolarmente. Il servizio di biglietteria invece potrà essere non garantito o irregolare durante tutta la giornata, la clientela potrà acquistare i titoli di viaggio del trasporto pubblico Actv sia nelle rivendite autorizzate, che a bordo dei mezzi, saranno inoltre attive le biglietterie automatiche Tvm. In allegato è possibile trovare la locandina in pdf con tutti gli orari comunicati dall'azienda di trasporto pubblico.

TRENI GARANTITI - Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia in occasione dello sciopero del personale ferroviario proclamato dai sindacati Orsa e Usb dalla mezzanotte alle 21 di giovedì 29 maggio. Per quanto riguarda gli altri treni nazionali, si ricorda che potranno essere cancellati alcuni Intercity. Saranno comunque assicurati tutti i convogli elencati nell'apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull'orario ufficiale di Trenitalia e sul sito trenitalia.com. Sarà inoltre assicurato il collegamento tra Roma Termini e l'aeroporto di Fiumicino. Per i treni regionali, il cui programma potrà essere oggetto di alcune modifiche, si ricorda che saranno garantiti i servizi essenziali nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari (6 - 9 e 18 – 21). Informazioni su collegamenti e servizi anche nelle biglietterie e negli uffici assistenza delle stazioni ferroviarie, nelle agenzie di viaggio convenzionate e attraverso i new media del Gruppo FS Italiane: fsnews.it, la radio web FsNews Radio e l’account twitter @fsnews_it.

SCIOPERO DEL 30 MAGGIO: TUTTE LE INFORMAZIONI DA ACTV

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE DICHIARAZIONI - Dichiara Fabrizio Tomaselli, dell'Esecutivo nazionale Usb: “Il 29 maggio scioperano i ferrovieri e il giorno seguente i lavoratori del trasporto aereo e del trasporto pubblico locale. Molti giornali e molte televisioni faranno finta di nulla, o grideranno che non se ne può più di questi scioperi. Pochi si interrogheranno sul perché migliaia di lavoratori rinunceranno allo stipendio per un'intera giornata, cosa che di questi tempi pesa non poco su buste paga sempre più magre”. “I trasporti in Italia stanno morendo - denuncia Tomaselli - soffocati dall'ideologia delle privatizzazioni, dalle incapacità manageriali, dalla mancanza di un progetto complessivo di mobilità. Tutto è finalizzato solo a fare cassa e maggiori profitti, con una enorme perdita di posti di lavoro”. “Ma i lavoratori non ci stanno più e con gli scioperi del 29 e 30 maggio, oltre a difendere occupazione e salari, sollevano il problema dei problemi – evidenzia il dirigente USB - ovvero, la mobilità in Italia può fare a meno di un sistema di trasporto efficiente che svolga un ruolo di motore dello sviluppo economico del Paese e al tempo stesso sia socialmente ed ecologicamente sostenibile?”. “Noi siamo convinti di sì - continua il sindacalista - ma serve un rinnovato e concreto ruolo economico diretto dello Stato, un sistema di controllo pubblico dell'intero comparto; serve un piano generale dei trasporti che fissi la barra dritta verso il soddisfacimento del bene comune; servono rapporti chiari tra aziende e lavoratori, serve meno precarietà e più occupazione, serve democrazia sui posti di lavoro. “Per questo - conclude Tomaselli - i lavoratori scioperano il 29 e il 30 maggio. Per questo chiediamo ad utenti e cittadini di comprendere che questa lotta si combatte anche e soprattutto per assicurare un servizio di trasporto più sicuro ed efficiente”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento