menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero dei lavoratori Fincantieri: "No ai microchip nelle scarpe"

Sciopero di tre ore per operai, impiegati e tecnici. I sindacati chiedono il ritiro della contro piattaforma aziendale. A rischio consegna della Viking Star

Mercoledì mattina i lavoratori della Fincantieri hanno scioperato per 3 ore svuotando il cantiere di Marghera. La rappresentanza sindacale unita (RSU n.d.r.) infatti, nella giornata di martedì, si era riunita ed aveva deciso di indire un ulteriore sciopero per la mattinata seguente.

"Ci vogliono fare lavorare mezz'ora in più ogni giorno e vogliono metterci un microchip nelle scarpe da lavoro", hanno protestato i lavoratori. L'azienda ha negato l'ipotesi microchip ma la paura degli scioperanti deriva dall'approvazione del Jobs Act. La riforma del lavoro infatti potrebbe permettere alle aziende un controllo a distanza "sugli impianti e sugli strumenti di lavoro". La norma però non è ancora attuabile in quanto è ancora in attesa dei decreti attuativi.

Dopo lo stop di un'ora per turno di lunedì quindi, nella mattinata di mercoledì gli operai, impiegati e tecnici del cantiere, hanno incrociato le braccia presidiando tutti gli ingressi dello stabilimento e paralizzando tutte le attività produttive fin dall’inizio del primo turno di lavoro. Lo sciopero di Marghera non è il solo, la Fincantieri infatti è nell'occhio del ciclone anche nello stabilimento di Riva Trigoso, a Sestri Levante e a Muggiano a La Spezia.

Le motivazioni di queste mobilitazioni sono da ricercarsi nelle parole dei sindacati. Secondo la Fiom Venezia "l’azienda deve comprendere che non sarà possibile avviare una trattativa per peggiorare le condizioni di lavoro: per questo la Fincantieri deve ritirare la contro piattaforma aziendale e aprire al più presto un vero negoziato sulla base delle proposte contenute nella piattaforma sindacale approvata dalla maggioranza dei lavoratori del gruppo".

La minaccia di uno sciopero prolungato rischia inoltre di compromettere la consegna della Assemblea bollente alla Fincantieri. I lavoratori annunciano lo sciopero
nave Viking Star prevista per il fine settimana.
Dal canto suo l'azienda aveva già Assemblea bollente alla Fincantieri. I lavoratori annunciano lo sciopero
dichiarato che "se i lavoratori vogliono arrivare alla chiusura del cantiere, allora continuino pure ad ostacolare la consegna della nave. Avendo assicurato il lavoro per i prossimi anni - ha continuato la Fincantieri -, chiediamo che ci sia da parte del sindacato una maggiore assunzione di responsabilità al fine di assicurare maggiore efficienza e un futuro prospero e duraturo all'azienda".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento