La protesta si alza di tono: petardi e fumogeni davanti la Green Power

L'azienda di Mirano ha prospettato il licenziamento di 36 dipendenti. I sindacati chiedono i contratti di solidarietà. Venerdì sciopero di 8 ore

Continua la protesta dei dipendenti Green Power. Anzi. Il malumore venerdì mattina si è alzato di tono, quando alcune decine di lavoratori hanno presidiato l'ingresso dell'azienda di Zianigo di Mirano chiedendo, d'accordo con i sindacati, che la proprietà conceda i contratti di solidarietà, dopo l'annuncio di un nuovo piano che prevederebbe 36 esuberi sui 71 dipendenti totali. La Fiom-Cgil mercoledì nella sede di Confindustria aveva chiesto di gestire i tagli tramite lo strumento di contratti di solidarietà della durata di un anno, in modo da incentivare uscite volontarie.

Niente di tutto ciò. Dunque all'orizzonte si prospetta la richiesta al ministero di una cassa integrazione a zero ore per i 36 lavoratori finiti sulla graticola. Operazione che però ha dei tempi tecnici piuttosto lunghi. Uno scenario che naturalmente non può far dormire sonni tranquilli ai dipendenti, che quindi hanno approvato un pacchetto di ore di sciopero da qui fino a Natale: otto quelle indette durante la giornata di venerdì, ce ne saranno altre sedici nei prossimi giorni. I  manifestanti hanno dato vita a un sit-in di tre ore (a partire dalle 8.30) di fronte a Villa Scabello, sede della Green Power a Zianigo di Mirano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante la giornata, come mercoledì del resto, non sarebbero arrivate aperture da parte dell'azienda. Con qualche petardo e anche un fumogeno, i lavoratori hanno quindi deciso di rendere il più visibile possibile il loro malcontento. Alcuni singoli hanno anche minacciato una possibile occupazioone durante le feste di Natale, come ultima spiaggia. I dipendenti sperano infatti in un ammorbidimento della posizione del gruppo. Secondo la Fiom solo con i contratti di solidarietà si potrebbero salvare, almeno temporaneamente, i posti di lavoro: "Natale senza panettone e senza cassa integrazione", sintetizzava uno degli slogan della manifestazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

  • Trova il padre senza vita in casa

  • Scomparso da tre giorni, trovato nel canale senza vita

Torna su
VeneziaToday è in caricamento