Contratto fermo da 3 anni e mezzo: scioperano le guardie giurate

«Trattative bloccate, i datori di lavoro hanno annullato le due ultime date degli incontri. Guadagni fermi a 1100 euro al mese, rischi enormi». Previsto un presidio in campo San Maurizio

Guardia giurata, archivio

Guardie giurate e addetti ai servizi fiduciari di nuovo in sciopero l'uno e il 2 agosto. Il comparto, che conta oltre 70 mila addetti, è in attesa di rinnovo del contratto nazionale, scaduto da 3 anni e mezzo. La vigilanza dei siti aeroportuali sciopera invece per l'intero turno di lavoro il 6 settembre. La mobilitazione, indetta dai sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, «è scattata per sollecitare un avanzamento dei negoziati (allo stato fermi nonostante le proteste degli ultimi mesi) con le associazioni imprenditoriali di settore Univ, Anivip, Assiv e le imprese cooperative Legacoop Produzione e Servizi, Confcooperative, Federlavoro e Agci Servizi». 

Il presidio a Venezia

È previsto un presidio in campo San Maurizio a Venezia di tutto il personale del comparto, proveniente da tutta la regione Veneto per il giorno 1 agosto dalle 10 alle 12.30. Contestualmente è stato chiesto un incontro in Prefettura «per evidenziare le sempre maggiori difficolffi che si riscontrano nel comparto. In assenza di accordi tra le parti, nel rispetto della normativa vigente, i lavoratori non garantiscono alcun servizio nei giorni dello sciopero - sottolineano i sindacati -. È partita anche una raccolta firme destinata al ministro del Lavoro Luigi Di Maio e al ministro dell'Interno Matteo Salvini, per chiedere di farsi parte attiva in un settore delicato come quello della sicurezza», ricordano le sigle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le condizioni 

«Le trattative non hanno ancora sciolto i nodi dell'incremento salariale, della garanzia del posto di lavoro in caso di cambio d'appalto, degli inquadramenti del personale, delle relazioni industriali, della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - scrivono Renato Giacchi della Filcams, Diego Marcomini Fisascat e Alessando Visentin della Uiltucs veneziane -. Le associazioni datoriali hanno annullato le ultime due date degli incontri a livello nazionale. Per i lavoratori è scattata la mobilitazione. Sono persone che garantiscono la sicurezza nei luoghi pubblici e privati per circa 1100 euro al mese, e che hanno deciso di incrociare le braccia per l'intero turno di lavoro, nelle giornate indicate, visto lo stop delle trattative».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento