rotate-mobile
Cronaca

Venezia "chiude per sciopero": dopo il Casinò anche i Musei Civici a rischio

A pasqua i turisti rischiano di non poter visitare il Correr, con la mostra su Klimt, e le altre dieci sedi dei Musei Civici. I 300 guardasala mel periodo pasquale intendono incrociare le braccia

Pasqua periodo di turismo, soprattutto per Venezia, che si appresta a ospitare migliaia di cittadini da tutto il mondo. I visitatori però rischiano di trovare scritto sulle porte d'ingresso dei Musei Civici "chiuso per sciopero", come al Casinò. Anche al Correr, dove è in corso un'importante rassegna dedicata al maestro dell'avanguardia austriaca Gustav Klimt.

 

Questo perché è stata annunciata la decisione dei guardasala di scioperare per una vertenza contrattuale. Il braccio di ferro coinvolge circa 300 lavoratori delle cooperative che garantiscono il servizio in tutte le undici sedi dei Musei Civici, che coprono ben 40mila metri quadrati complessivi di superficie espositiva.

"Mi auguro fortemente che ci sia un ripensamento dei dipendenti del museo - ha commentato l'assessore al Turismo Roberto Panciera - Non entro nei dettagli della protesta, ma sicuramente sarebbe un grave danno d'immagine per la nostra città presentarsi al mondo intero, che ci accingiamo a ospitare in questi giorni, con la chiusura di luoghi di cultura che sono tra i più simbolici e apprezzati. Mi appello al senso di responsabilità dei lavoratori, fatti salvi i motivi della loro protesta, per scongiurare quella che risulterebbe essere una vera sconfitta per tutti noi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venezia "chiude per sciopero": dopo il Casinò anche i Musei Civici a rischio

VeneziaToday è in caricamento