rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Nuovo sciopero di 24 ore del trasporto pubblico

Le organizzazioni sindacali hanno indetto una mobilitazione nazionale per lunedì 11 ottobre. Actv garantirà i servizi minimi. Sono interessati alla protesta anche il settore sanità e istruzione

Lunedì prossimo, 11 ottobre, è prevista una nuova mobilitazione di 24 ore del comparto trasporto pubblico, indetta dai sindacati SGB Sindacato Generale di Base, CUB Trasporti e USB Lavoro Privato. Lo sciopero potrà interessare il personale Actv, Vela e Avm dei servizi navigazione, automobilistici, tranviari, People Mover, nonché delle biglietterie Venezia Unica, degli uffici di Piazzale Candiani (sosta e ztl auto di Mestre) e dei parcheggi in struttura gestiti da Avm.

Sciopero trasporto pubblico 11 ottobre

Saranno garantiti, come di consueto, i servizi mini di navigazione, quelli automobilistici urbani e extraurbani prevedono il servizio nelle fasce 6-8.59 la mattina e 16.30-19.29 il pomeriggio. La linea 17 di nave traghetto sarà invece effettuata con le seguenti corse:

  • partenze da Lido San Nicolò per Tronchetto alle ore 06:40, 08:20, 10:00, 16:40, 18:20 e 20:00;
  • partenze da Tronchetto per Lido S. Nicolò alle ore 07:30, 09:10, 10:50, 15:50, 17:30 e 19:10.

I motivi della protesta

Le organizzazioni sindacali hanno organizzato la giornata di sciopero per protestare contro lo sblocco dei licenziamenti e per la riduzione generalizzata dell’orario di lavoro a parità di salario; per il rilancio dei salari, con forti aumenti economici e con l’istituzione di un meccanismo di piena tutela dei salari dall’inflazione; per la garanzia del reddito attraverso un salario medio garantito a tutti i disoccupati; per l’accesso gratuito e universale ai servizi sociali e per un unico sistema di ammortizzazioni sociali che garantisca l’effettiva continuità di reddito e salario. Ancora, si protesterà contro il contrasto alla precarietà e allo sfruttamente, per il rilancio degli investimenti nei trasporti, per il rafforzamento della sicurezza nella scuola.

Incroceranno le braccia anche i lavoratori della sanità e della scuola. Ca' Foscari ha comunicato che nella giornata di lunedì 11 ottobre saranno garantiti solo i servizi essenziali:

  • esami conclusivi dei cicli di istruzione;
  • certificati per la partecipazione a concorsi;
  • salvaguardia degli impianti, delle apparecchiature operanti a ciclo continuo e degli esperimenti irripetibili in corso;
  • pagamento degli emolumenti retributivi, compilazione e controllo delle distinte di versamento dei contributi previdenziali nei termini previsti dall’accordo di contrattazione.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo sciopero di 24 ore del trasporto pubblico

VeneziaToday è in caricamento