Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Porto Marghera

Versalis Marghera: la Rsu manda gli impianti al minimo tecnico. Lunedì 8 ore di sciopero

Dopo l'astensione di mercoledì il 10 maggio le sigle Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil incrociano le braccia contro la fermata del cracking. Previsto un volantinaggio all'alba in portineria 9 e due ore di assemblea al capannone del Petrolchimico

Portineria 9 petrolchimico Porto Marghera

Dopo aver mandato gli impianti tecnici al minimo tecnico oggi, mercoledì 5 maggio, con la produzione di etilene e propilene giù di carico, la Rsu di Versalis a Porto Marghera incrocia le braccia per altre 8 ore lunedì. È stata proclamata l'astensione assieme alle sigle sindacali territoriali Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil contro la fermata del cracking e degli aromatici annunciata da Eni per la primavera del 2022. Le rappresentanze sindacali hanno protestato intanto dalle 6 alle 14, «contro la mancanza di organici, a causa dei lavoratori fragili assenti per Covid che l'azienda non sostituisce». Nel mirino delle rappresentanze sindacali unitarie anche la manutenzione degli impianti, che dicono esser stata «rallentata durante la pandemia».

Il 10 maggio all'alba è stato annunciato un volantinaggio con rallentamento del traffico alla portineria 9 del Petrolchimico, cui seguirà un'assemblea pubblica al capannone di Marghera. Le garanzie sugli investimenti e la tenuta occupazionale ribadite anche alla Camera dai vertici della società non hanno convinto lavoratori e parti sociali. Come prima prova i sindacati hanno chiesto assunzioni subito di lavoratori giovani, da formare e mettere all'opera poi una volta compiuta la transizione green.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Versalis Marghera: la Rsu manda gli impianti al minimo tecnico. Lunedì 8 ore di sciopero

VeneziaToday è in caricamento