rotate-mobile
Cronaca

Scomparsa Christiane, spunta l’ipotesi “che si trovi in Veneto”

Secondo alcuni dati raccolti, la donna scomparsa il 30 dicembre ha agganci e parenti in Laguna tanto che potrebbe trovarsi proprio nel territorio veneto, forse per tentare delle cure

Spunta “un’ipotesi veneta” nelle indagini che stanno effettuando le forze dell’ordine su Christiane Seganfreddo, la donna scomparsa dalla Valle d’Aosta lo scorso 30 dicembre in seguito alla diagnosi di una malattia agli occhi.

SCOMPARE PER TRE GIORNI: LO TROVANO IN STATO DI SHOCK

IPOTESI VENETA. Secondo quanto riporta il Gazzettino, la donna, insegnante d’arte in una scuola media, potrebbe aver deciso di venire a curarsi, o comunque di allontanarsi, proprio in Veneto dove avrebbe dei conoscenti e dove spesso anche con la scuola si è recata in diverse occasioni, facendo base in un albergo di Punta Sabbioni. Altre piste portano a diverse cliniche in Svizzera o in Francia.

GLI APPELLI. Tanti gli appelli fatti per convincerla a tornare a casa anche da parte di Rino Gattuso, in cura per la stessa patologia agli occhi, la mistenia oculare. La donna, però, potrebbe trovarsi in uno stato confusionale: chiunque dovesse notarla può contattare la polizia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparsa Christiane, spunta l’ipotesi “che si trovi in Veneto”

VeneziaToday è in caricamento