menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scoperto il furgone dei venditori abusivi, maxi sequestro a Bibione

Gli agenti della polizia locale di San Michele al Tagliamento hanno tolto dal mercato 1500 pezzi. Il veicolo era condotto da un bengalese

Si susseguono i sequestri di merce irregolare destinata alla vendita in spiaggia. Su tutto il litorale, compreso quello di Bibione. Mercoledì notte, infatti, gli agenti della polizia municipale di San Michele al Tagliamento hanno sequestrato 1500 oggetti. Dopo alcuni giorni di indagini, infatti, gli uomini in divisa, coordinati dal dirigente Andrea Gallo, hanno individuato uno dei furgoni che di notte riforniscono la località balneare: “Poco prima della mezzanotte di giovedì – spiega il dirigente Gallo – un furgone condotto da un bengalese residente a Brescia, è stato inseguito e bloccato nei pressi di piazzale City a Bibione: all’interno oltre 1500 oggetti tra aquiloni, asciugamani, parei, prolunghe per selfie, già suddivisi in pacchi e quindi pronti per essere smerciati ai venditori della spiaggia”. 

Grazie all’applicazione del regolamento comunale che sanziona il trasporto di merce senza giustificato motivo, tutto il carico è stato sequestrato, con un danno economico di circa 30mila euro. “Il sequestro – evidenzia il comandante - conferma come i rifornimenti avvengano di notte o nelle prime ore del mattino e soprattutto, vista la provenienza del furgone da Brescia, testimonia come il commercio in spiaggia sia supportato da una rete commerciale a livello nazionale”.

Oltre all'operazione di mercoledì sera, qualche giorno fa un altro venditore è stato bloccato con 50 asciugamani alle 5.30 del mattino in via Andromeda a Bibione: “Sappiamo che alcuni rifornimenti arrivano tra le 5 e le 6 del mattino – spiega il dottor Gallo – per questo abbiamo atteso all’alba, dalle 5 del mattino, l’arrivo di un’auto che sapevamo trasportare merce per i venditori”.

Sostegno alla polizia locale in queste azioni contro il commercio illegale da parte del sindaco Pasqualino Codognotto: “Complimenti per questa nuova operazione - commenta il primo cittadino - che manifesta l’impegno costante di questa amministrazione nella tutela della legalità”. A supporto dei servizi mirati contro il commercio illegale, la giunta comunale da pochi giorni ha stanziato nuove risorse per un progetto sicurezza destinato a potenziare i servizi della polizia locale: “In un momento di ristrettezze finanziarie e con il personale del Comando ridotto all’osso – spiega Codognotto - l’amministrazione ha voluto comunque dare un ulteriore segnale per organizzare nuovi servizi finalizzati alla sicurezza urbana e in particolare alla lotta contro l’abusivismo commerciale”.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento