menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bloccati in cima alla montagna tra la neve, nove giovani scout in salvo

Decisamente infreddoliti ma in buone condizioni i componenti della comitiva di scout, per lo più dolesi, soccorsi sabato mattina in Trentino

Hanno continuato a scivolare tra la neve. Non riuscendo più né a tornare indietro, né a raggiungere la meta che sabato mattina si erano prefissati. E' stata una escursione decisamente sfortunata per un gruppo di scout ventenni provenienti da Dolo e da altre parti della provincia di Venezia sabato. Il gruppo, composto da nove ragazzi, è rimasto infatti bloccato a 2.500 metri di altitudine sul monte Lagorai, in Trentino.

La piccola comitiva era partita giovedì per trascorrere tre giorni in alta montagna. Sabato, quindi, era prevista l'ultima tappa e il rientro a valle, dove li attendevano i parenti. Nonostante il meteo non fosse rassicurante, il gruppo la mattina ha comunque deciso di intraprendere l'ultima escursione, partendo dal Bivacco Aldo Moro (quota 2.565 metri) con l'obiettivo di raggiungere Cima Cece (2.754 metri), la vetta più alta del Lagorai.

A metà percorso, a quota 2.500 metri circa, mentre attraversavano alcuni nevai, dove sono scivolati più volte per le cattive condizioni delle neve, a causa del freddo, della pioggia e della nebbia, i giovani non sono stati più in grado di andare avanti o di tornare indietro. Non essendo ben attrezzati e infreddoliti, alle 13.30 hanno chiamato il 118.

Il soccorso alpino ha inviato sul posto due squadre di tecnici, che hanno raggiunto la zona dal Primiero e da Moena, dalla Val Maggiore, insieme a una squadra del soccorso alpino della guardia di finanza di Passo Rolle, per un totale di circa 15 soccorritori.

Uno squarcio tra le nuvole ha consentito il decollo di un elicottero dell'Aiut Alpin Dolomites, che è riuscito a recuperare i giovani, trasportandoli su un vicino nevaio della Val Maggiore, dove si sono concentrati i soccorsi per portare gli scout a valle. Le condizioni dei malcapitati sarebbero buone, nonostante abbiano raggiunto i parenti decisamente infreddoliti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento