Blitz dei carabinieri nel casolare della droga: cinque in manette, stupefacenti sequestrati

Operazione dei militari di San Donà, hanno sorpreso i malviventi mentre stavano dormendo. Tutti senza fissa dimora, vivevano tra rifiuti e sporcizia: tra loro pure una ragazza incinta

Un casolare nella campagna del Basso Piave, dove la droga era prodotta e confezionata. L'operazione dei carabinieri di San Donà di Piave è andata in scena la scorsa mattina, e si è conclusa con l'arresto di cinque persone e la consapevolezza di aver fatto un passo avanti per il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, in un territorio in cui la droga, specie tra i giovanissimi, scorre ancora a fiumi. Le indagini dei militari dell'arma, guidate dal tenente Dario Girolamo Russo, hanno portato al blitz in una casa di campagna situata in via Forcassona a Musile, zona Millepertiche: l'operazione è stata conclusa con l'ausilio dei militari delle stazioni di Jesolo, Meolo e Cavallino-Treporti.

Quando i carabinieri hanno fatto irruzione in quel casolare abbandonato, scelto dai malviventi, con ogni probabilità, per non destare sospetti e condurre le proprie attività illecite senza dare nell'occhio, li hanno sorpresi mentre stavano ancora dormendo. Erano in cinque. Forse il via vai continuo da una casa abbandonata è stata una delle micce che hanno insospettito le forze dell'ordine. Dopo aver pedinato tossicodipendenti, appostandosi nei luoghi principali dello spaccio, i militari sono quindi riusciti a penetrare all'interno della "fabbrica", dove probabilmente la droga non solo veniva preparata, ma anche venduta al dettaglio. All'interno i militari ha ritrovato tutto il materiale illegale, soprattutto droghe sintetiche e tutte le strumentazioni per confezionare le dosi da smerciare.

Sono finiti in arresto R.F., 33 anni, nato in Svizzera e residente a Musile, proprietario dell'immobile; V.F., 29 anni, italiano di Agordo (Belluno) e residente a Rivamonte Agordino; S.G., 23 anni, italiano originario e residente a Chivasso (Torino); G.S., unica donna del gruppo, 21 anni, italiana di Rovereto (Trento) e lì residente; O.D.M., 29 anni, italiano, nato a Capua (Caserta) e residente a Atella (Caserta). Tutti pregiudicati eccetto il proprietario del casolare, finora incensurato.

Le indagini sono state svolte "alla vecchia maniera", con osservazioni, pedinamenti e controlli, scoprendo che i cinque erano assidui frequentatori di rave party organizzati in tutta Europa. All'ingresso nell'abitazione la scena che si è presentata agli occhi dei carabinieri è stata a dir poco raccapricciante per la situazione di degrado e di indigenza che c'era lì dentro. Tutti i locali totalmente assenti delle basilari regole igienico-sanitarie, gli occupanti che dormivano su materassi luridi gettati per terra, rifiuti abbandonati ovunque, escrementi di animali e sporcizia, lastre di eternit nel giardino. Tanto che è stato necessario richiedere l'intervento della polizia locale di Musile e degli ispettori dell'Asl per la valutazione igienico-sanitaria del posto: lo stabile è stato dichiarato inagibile, con conseguente richiesta al sindaco di ordinanza di sgombero. Di più: è stato fatto arrivare il personale veterinario per la presenza di quattro cani, regolarmente detenuti, che sono stati prelevati e trasportati al canile locale.

C'era tutto il necessario per la produzione, il confezionamento e lo smercio della droga, in particolare metanfetamina, ketamina e Mdma: sequestrati 70 ovuli in cellophane per un totale di 700 grammi di hashish, un sacchetto in cellophane con 70 grammi di ketamina, svariate dosi tra metanfetamina, ketamina, Mdma e marijuana. E poi tre bilancini di precisione, un quaderno con nomi e cifre relativi agli acquirenti, un forno a microonde, un cilindro per la misurazione del liquido, flaconi contenenti sostanze chimiche, un teaser ed una pistola giocattolo. Sequestrati pure contanti per quasi 4mila euro. I cinque, sulla carta residenti in altri comuni d’Italia, di fatto erano senza fissa dimora e stabili in quell'abitazione. Sono stati portati al carcere di Venezia, tutti tranne la ragazza che, essendo incinta, è stata condotta ai domiciliari in una struttura assistenziale. Lunedì il processo di convalida degli arresti: convalida ottenuta per tutti e cinque, ma la custodia cautelare in carcere è stata disposta per il solo proprietario dello stabile. Per gli altri il divieto di dimora nella provincia di Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento