menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Allah Akbar" in caratteri arabi sulla facciata della Marciana, indagini della Digos in corso

La scritta è stata scoperta da una coppia di turisti nordafricani, che hanno subito allertato le forze dell'ordine. L'ipotesi più accreditata è che si tratti di una goliardata

"Allah Akbar" in caratteri arabi. Come riporta la Nuova, la scritta, verniciata in bianco, è stata ritrovata e successivamente rimossa nel cantiere della Biblioteca Marciana di Venezia, scoperta per caso da una coppia di turisti nordafricani mentre giravano per Venezia. Inusuale la posizione dell'invocazione al dio arabo, ecco perché i due hanno subito pensato di comunicare quanto visto alle forze dell'ordine.

Nella fattispecie si sono rivolti alla polizia locale, che di rimando ha avvisato la Digos. Sul posto, per effettuare i controlli di rito, una pattuglia della polizia. Ma a confermare che quella scritta a caratteri arabi fosse proprio "Allah Akbar" ci ha pensato un interprete che collabora con le forze dell'ordine e il Tribunale di Venezia. La frase, di per sé, sarebbe innocua, si tratta di due parole ripetute spesso nell'arco di una giornata dai fedeli musulmani: a destare preoccupazione, però, il fatto che sia la frase divenuta tristemente famosa poiché ripetuta dai terroristi prima di compiere una strage o un attentato.

La Digos ha subito avviato un'indagine per cercare di capire chi possa essere stato, e soprattutto a quando possa risalire quella scritta. Indizi utili proverranno dalla visione delle telecamere collocate in piazza, nonché le domande che saranno rivolte agli operai. L'ipotesi più accreditata, ad ogni modo, è che si possa trattare di una semplice goliardata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento