menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tania è la prima agrichef veneziana: si conclude il corso per contadini ai fornelli

Mercoledì la consegna delle divise a Mestre con l'assessore regionale Elena Donazzan: protagonisti sono i nuovi talenti dei fornelli, tutti imprenditori agricoli

Tania Pasin è la prima agrichef veneziana: neomamma e imprenditrice entusiasta, conduce insieme alla madre l’agriturismo Ai Carpini a pochi chilometri dall’aeroporto di Tessera. Ha scommesso sul primo corso per contadini ai fornelli, e la soddisfazione certo non manca ora che si è concluso il percorso formativo: "È stata un’esperienza fantastica di sinergia di gruppo volta alla crescita e all’innovazione", spiega Tania, rimarcando anche il grande affiatamento creatosi con i compagni di corso: Chiara che abita e lavora a Lonigo nel vicentino, Elena che invece ha la sua attività sul Montello, Valentina sui Colli Euganei, Matteo e Fabrizio sono più in alto di tutti: loro stanno sulle Dolomiti. Cinzia con tante attività oltre alla ristorazione anima la bassa veronese e Tatiana, la mascotte del gruppo, sogna di cucinare un giorno nel Polesine.

Sono i nuovi talenti dei fornelli con una marcia in più: sono tutti imprenditori agricoli. Li hanno definiti per questo “Agrichef” e da mercoledì, dopo un corso di formazione per la conquista di questo titolo, lo hanno scritto sul petto della nuova divisa consegnata alla fine della lezione dal presidente di Coldiretti Veneto, Martino Cerantola, con il direttore regionale Pietro Piccioni, e dall’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan: a lei spetta il compito di valutare insieme al suo dipartimento l’opportunità che questa diventi una qualifica futura per giovani appassionati del lavoro dei campi e di arte culinaria.

“I primi otto cuochi di campagna sono i pionieri di un mestiere futuro – spiega il vice presidente TerraNostra Diego Scaramuzza, anche in veste di docente guida -  che può interessare alle nuove generazioni orientate al diploma di perito agrario o all’alberghiero perché quello che hanno imparato alla scuola di Coldiretti Veneto è studiare e preparare soluzioni enogastronomiche ad hoc per i clienti”. Nelle ore di teoria e pratica hanno sperimentato cosa potrebbe mangiare più volentieri un ospite sportivo, oppure quello allergico e intollerante, un frettoloso e solitario manager, lo straniero di un’altra religione. Hanno inoltre provato i piatti del riciclo per evitare gli sprechi esaltando gli avanzi, giusto per sottolineare una coscienza green. Il gran finale prevedeva di affrontare l’evento top, ovvero la cerimonia in agriturismo un tempo momento di festa ed ora appuntamento sempre più complicato per il sommarsi di richieste differenti secondo le abitudini alimentari più disparate.

Nei prossimi giorni spetta a loro portare la testimonianza della bellezza di questa impresa nelle loro fattorie dove i consumatori potranno conversare, conoscere e sapere. Le ricette curiose e insolite saranno diffuse online sul canale www.takaplay.tv: un ringraziamento va ditta Serafino Zani, che ha messo a disposizione gli utensili d’acciaio, e alle cucine di Angelo Po di Carpi. Non da ultimo il contributo del Consorzio di Tutela del Grana Padano con la cordata dei prodotti Dop e Stg e la linea di formaggi del territorio, il Montasio per Venezia che è stato presentato e utilizzato nelle ricette di una lezione del corso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento