SCUOLE SPORCHE Genitori infuriati: "Tornerà l'emergenza"

Il Gruppo provinciale interistituti di Venezia scrive al ministro Giannini: "Lavoratrici in CIG e niente pulizia, andremo dal giudice amministrativo"

Continua la querelle riguardante le "scuole sporche" veneziane. Dopo l'accordo a livello nazionale stipulato il 28 marzo scorso (e recepito il 1 aprile a livello regionale), il Gruppo provinciale intercomitati e interistituti della provincia di Venezia ha preso carta e penna indirizzando una lettera al ministro dell'Istruzione Stefania Giannini denunciando che "la vicenda ci sembra finita nel più incredibile e peggiore dei modi".

Nelle prime righe si esprime subito l'indignazione che i genitori degli studenti lagunari provano per una riorganizzazione che non metterebbe, secondo loro, l'accento sui problemi di igiene che a breve potrebbero tornare a fare capolino nei plessi scolastici veneziani. "I sessanta milioni indicati dall'accordo per i tre mesi di aprile, maggio e giugno non sono finalizzati a delle prestazioni lavorative necessarie alle scuole - spiegano - ma alla collocazione in cassa integrazione di ore di lavoro che sarebbero assolutamente funzionali ai bisogni scolastici. Inoltre, durante i due anni di cassa integrazione - si aggiunge nella missiva - le ore di ammortizzatori sociali saranno dirottate ad altro rispetto alla pulizia e alla vigilanza. Per fare "manutenzioni e abbellimenti", mentre gli ambienti dove i nostri bambini vivono fino a otto ore al giorno rimarranno sporchi e non adeguatamente sorvegliati".

Il comitato, poi, fa i conti in tasca al Governo, sottolineando come i tamponamenti ai disagi dovuti ai tagli della spending review avrebbero causato una spesa superiore rispetto agli anni precedenti: "Con i nuovi appalti il servizio si è dimezzato - scrivono - Da gennaio a giugno si sarebbero dovuti risparmiare circa 102 milioni di euro. Voi invece ne state spendendo ben 114,6, e senza aver risolto nulla per le scuole. State cioè spendendo 12,6 milioni di euro in più di quanto si sarebbe speso se non si fossero applicati i tagli della spending review". Alla fine, inoltre, la possibilità di ricorrere a vie giudiziarie sembra farsi sempre più nitida all'orizzonte: "Se l'inadeguatezza del servizio continuerà chiederemo anche il parere del giudice amministrativo", conclude il comitato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Muretto di Jesolo chiude, i gestori: «La stagione 2020 finisce qui»

  • Polemiche su tre consiglieri leghisti per la richiesta del bonus Inps da 600 euro

  • Chiusura del raccordo da Venezia verso la tangenziale di Mestre

  • Morto un uomo in spiaggia a Jesolo

  • Tremendo scontro fra due moto a Caorle: morti 2 uomini del posto

  • Il sindaco di Spinea Martina Vesnaver e il bonus da 600 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento