menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Secessionisti, Rocchetta torna libero. Fuori anche Chiavegato

Il Riesame di Brescia ha disposto la scarcerazione per sette indipendentisti. Ai domiciliari finiscono invece cinque tra gli arrestati

Franco Rocchetta, il politico veneziano di nascita fondatore della Liga Veneta, torna in libertà al pari di altri sei secessionisti finiti in manette la settimana scorsa per il progetto di "presa" di San Marco con l'ormai famoso Tanko. Uscirà dal carcere anche Lucio Chiavegato, ex presidente della Life. Questa la decisione del tribunale del Riesame di Brescia, che ha disposto (o confermato) i domiciliari per altri cinque indipendentisti.

Soddisfatto, e non potrebbe essere altrimenti, l'avvocato difensore di Rocchetta, Fabio Pinelli, che venerdì si trovava proprio all'esterno del carcere di Treviso. Naturalmente nessun commento prima che siano state lette le motivazioni della decisione del Riesame, ma alcune ipotesi sembrerebbero più probabili di altre. Di certo, secondo il legale, è stato riconosciuto "lo spessore umano e quello giuridico di Rocchetta che in 15 giorni di carcere ha perso tra gli otto e i 10 chili di peso". Con ogni probabilità i giudici potrebbero aver accolto la questione della territorialità che sposterebbe su Padova da Brescia il procedimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento