Cronaca

Segretario infedele ruba negli anni 200mila euro ai danni dell'asilo

Il responsabile della contabilità di una scuola di San Michele al Tagliamento dal 2005 si è intascato quello che lui riteneva "il giusto"

Per lui quei compensi erano "il giusto" per la mansione che aveva svolto. Peccato che superassero di oltre 200mila euro quanto gli spettasse di diritto. Il segretario di un asilo di San Michele al Tagliamento, infatti, è stato arrestato dalla guardia di finanza di Portogruaro per falso in atto pubblico. Il 60enne, che secondo le fiamme gialle già dal 2005 aveva iniziato a intascarsi soldi dal bilancio dell'asilo, ha subito un sequestro di beni del valore di 200mila euro.

Pari alle somme che negli anni avrebbe dirottato nel suo conto corrente. A segnalare le anomalie che subiva l'asilo, sempre alle prese con dei conti in rosso, il preside della struttura. Che non si spiegava il perché della necessità di aumentare le rette e della continua richiesta di fondi a ministero e Regione.

I dubbi sono quindi ricaduti sul segretario, l'unico a tenere la contabilità. Le somme sottratte all'asilo sono via via lievitate: da 15mila all'anno fino ad arrivare a circa 35mila l'anno. Un salasso. La guardia di finanza, durante i controlli alla contabilità, ha scoperto che il segretario usava fare anche dei "collage" tra documenti, applicando anche della "scolorina" laddove le cifre non risultavano di suo gusto. Poi, una volta che il documento era pronto, lo fotocopiava intascandosi illecitamente compensi, indennità e rimborsi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segretario infedele ruba negli anni 200mila euro ai danni dell'asilo

VeneziaToday è in caricamento