rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Sei milioni di euro per l'assistenza a un familiare da accudire in casa

Il progetto prevede contributi a dipendenti e pensionati Inps-Gestione Pubblica di Venezia, Cavallino-Treporti, Marcon e Quarto d'Altino

“Permettere alle persone non autosufficienti di rimanere nella propria abitazione è una grande scelta di civiltà, non solo perché di gran lunga più conveniente rispetto al ricovero, ma soprattutto perché consente di continuare a vivere in un ambiente familiare, di coltivare quelle relazioni umane che migliorano la qualità della vita di ciascuno”. Si è aperta con queste parole del vicesindaco di Venezia, Sandro Simionato, la conferenza stampa sull'avvio del progetto “Home care premium 2012”, svoltasi questa mattina a Mestre e alla quale sono intervenuti il direttore della Direzione Politiche sociali, partecipative e dell'accoglienza del Comune di Venezia, Luigi Gislon, Carla Zia per la Direzione regionale di Inps Gestione pubblica, il sindaco e l'assessore comunale ai Diritti e solidarietà sociali di Marcon, rispettivamente Andrea Follini e Gianpietro Puleo e i rappresentanti istituzionali del Comune di Quarto d'Altino.

Il progetto, riservato a dipendenti e pensionati Inps – Gestione pubblica (ex Inpdap), ai loro coniugi conviventi e ai parenti di primo grado (figli e genitori) non autosufficienti che risiedano nei Comuni di Venezia, Cavallino-Treporti, Marcon e Quarto d'Altino e il cui Isee non superi i 48mila euro, prevede l'erogazione di contributi economici a favore di chi si prende cura del familiare da accudire, personalmente o avvalendosi di un'assistente familiare.

Sono inoltre previsti altri contributi da destinare ai Comuni partecipanti per fornire servizi come, ad esempio, i centri diurni, l'installazione di ausili e strumenti di domotica, l'accompagnamento e il trasporto degli assistiti, il sollievo domiciliare. Le attività assistenziali sono finanziate dal Fondo Credito e attività sociali, alimentato dal prelievo obbligatorio dello 0,35% sugli stipendi dei dipendenti della pubblica amministrazione in servizio. Le domande si potranno presentare, da giovedì 2 maggio, solo online, accedendo al sito www.inpdap.gov.it mentre l'avvio del progetto è previsto per l'1 giugno 2013. I fondi a disposizione ammontano a circa 6 milioni di euro per l'intero territorio regionale.

“Questo progetto - ha concluso Sandro Simionato - è un altro passo in avanti verso quella visione di Città metropolitana che permetterà di mettere a sistema le risorse e aumentare i servizi ai cittadini grazie anche a una gestione associata territoriale dei percorsi di assistenza”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sei milioni di euro per l'assistenza a un familiare da accudire in casa

VeneziaToday è in caricamento