menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sette senzatetto alla biblioteca Querini, hanno tutti la tessera

Da due anni occupano la sala quotidiana quasi per tutto il giorno, ma il regolamento è chiaro: chiunque ha diritto ad usufruire degli spazi della Fondazione

Sono in sette, alcuni persino senza le scarpe, tutti con meno di qualche spicciolo in tasca: alla Querini Stampalia, in campo Santa Maria Formosa, ormai li conoscono uno ad uno per nome, sono i senzatetto che da un paio d'anni trovano rifugio nelle stanze e nelle poltroncine della biblioteca, riparandosi dal freddo e dalle intemperie, così come dal caldo afoso. A raccontare la loro storia è il Gazzettino, che descrive il conflittuale rapporto tra studenti, personale bibliotecario e i sette “barboni”.

APERTA A TUTTI – Da una parte, infatti, i sette homeless che si incontrano spessissimo nella saletta con pc e quotidiani rischiano di causare diversi disagi, complice le scarse condizioni igieniche in cui vivono e l'odore spesso molto forte che emanano; dall'altra, comunque, tutti e sette risultano normalmente tesserati alla Fondazione Querini e non possono essere lasciati fuori dalla porta. Per ottenere la tessera della biblioteca, infatti, è sufficiente presentare un documento d'identità valido, poi si ha diritto a sfruttarne gli spazi per tutto il tempo in cui le sale sono aperte al pubblico (e quelle di Santa Maria Formosa hanno orari molto estesi). Una situazione che, in realtà, nessuno vuole modificare: la Querini è e deve restare uno spazio pubblico di cultura, fruibile da tutti, anche da chi non ha altro oltre ai vestiti che porta addosso. E così, mentre periodicamente il personale cerca di indirizzare i senzatetto verso la mensa di Betania (almeno per una doccia), alla fine a tutti non resta che far tesoro del motto che si legge a lettere luminose proprio sulle scale della biblioteca: “talentum tolerare”. Per tutto il resto basta aprire più spesso le finestre e passare a terra lo straccio una volta di più.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento