«Boat & breakfast»: vacanza in barca per i turisti, ma era tutto abusivo: darsena sequestrata

Gli hotel galleggianti non erano in regola. Sigilli alla darsena della Marina di Sant'Elena

(Google Maps)

Regalavano ai turisti un'esperienza unica: poter soggiornare in barca in laguna, invece che in un hotel. Le prenotazioni si potevano effettuare online e le barche erano state adattate a veri e propri alberghi-affittacamere, noti come «boat&breakfast». Peccato che non ci fosse alcuna autorizzazione. I carabinieri del nucleo natanti di Venezia e i finanzieri della sezione navale questa mattina hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip di Venezia, mettendo i sigilli alla darsena della Marina di Sant'Elena e ad alcune grandi imbarcazioni ormeggiate all'interno della struttura. 

Gli hotel galleggianti

L'indagine è cominciata proprio per verificare che fosse tutto in regola. Ma glia ccertamenti, coordinati dal pm Giorgio Gava, hanno dimostrato il contrario. L'attività ricettivo-alberghiera era abusiva. «La darsena infatti, superando i limiti della concessione demaniale che prevede mero servizio di ormeggio protetto e custodito per imbarcazioni da diporto, con la complicità di alcuni proprietari ha allargato tale spettro di attività trasformando numerosi yacht ormeggiati in “hotel galleggianti”, prevedendo anche strutture di supporto a terra, quali area colazioni, docce ed altri locali di servizio, completamente abusivi o difformi dalle concessioni rilasciate», spiegano i carabinieri e la guardia di finanza in una nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli scarichi in laguna

Per di più, i gestori di diversi “boat & breakfast” secondo gli investigatori permettevano ai clienti di utilizzare i servizi igienici di bordo scaricando le acque reflue direttamente in laguna, senza alcuna autorizzazione. Ma le violazioni accertate non si limitano all’esercizio abusivo di “hotellerie” ed al danno ambientale. Infatti le norme poste a tutela del paesaggio e a disciplina delle realizzazioni urbanistiche anche in questo caso sono state eluse e quindi il responsabile della darsena nonché i proprietari degli yacht sono stati denunciati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento