Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Spinea

"Natale pericoloso": addobbi e luci led non a norma, nei guai 2 negozi

Gli esercizi commerciali, a Marcon e a Spinea, sono stati setacciati dalla guardia di finanza che ha trovato 2 milioni di oggetti natalizi, giochi e cavi luminosi privi delle regolari certificazioni e potenzialmente dannosi

Cavo di luci per esterno dalla spina di accensione sino alla prima lampada più corto di un metro e mezzo, con tanto di istruzioni d'uso completamente ingannevoli: basterebbe questo per far venire i brividi ai potenziali acquirenti, considerato che è proprio questa irregolarità una delle maggiori cause di rischio incendio. Ma c'è anche la mancanza di dicitura "lampade non sostituibili" a completare il quadro di una serie di luci a led fuori norma, oltre 2 milioni, sequestrate dalla guardia di finanza di Venezia in due esercizi commerciali della provincia.

Nei guai due negozi di Spinea e di Marcon, gestiti da imprenditori di origine cinese. Oltre alle carenze tecniche riscontrate nei cavi elettrici, gli oggetti erano anche provvidisti di marchio CE contraffatto privi dei relativi certificati di conformità per la sicurezza dei consumatori e quindi potenzialmente pericolosi. Non solo luci led però: le fiamme gialle hanno sequestrato anche ingenti quantità di addobbi natalizi, decorazioni e giochi per bambini, tutti privi dei requisiti minimi di sicurezza necessari per una regolare commercializzazione sul mercato, nonché carenti di etichette per la migliore individuazione del produttore, delle precauzioni e destinazioni d’uso e del materiale con cui sono stati fabbricati. 


Oltre al sequestro della merce, i finanzieri hanno denunciato gli imprenditori alla Procura della Repubblica per i reati di vendita di cose con impronte contraffatte di una pubblica autenticazione o certificazione e di vendita di prodotti industriali con segni mendaci, pericolosi e per ricettazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Natale pericoloso": addobbi e luci led non a norma, nei guai 2 negozi

VeneziaToday è in caricamento