Dichiara un reddito misero, ma gira con Ferrari e Mercedes: cinese finisce nei guai

La Dia, su disposizione del Tribunale di Venezia, ha sequestrato due immobili a Quarto d'Altino dal valore di oltre 400mila euro nei confronti di un cittadino residente in Toscana

Il suo reddito dichiarato era piuttosto basso. Niente a che vedere con le Ferrari e le Mercedes con cui girava spesso e sovente in Toscana. Un'indagine che da Firenza ha allungato i propri tentacoli anche da noi, fino a Quarto d'Altino. E' qui che la Direzione investigativa antimafia del capoluogo toscano, con l'appoggio del centro operativo Dia di Padova, ha sequestro due immobili dal valore superiore a 400mila euro. Si tratta di strutture di proprietà di un cittadino cinese indagato per i reati di contraffazione ed evasione fiscale.

L'uomo, residente in provincia  di Firenze, secondo gli inquirenti avrebbe movimentato ingenti somme di denaro, specie nei casinò italiani, spendendo somme non dichiarate per l'acquisto di auto di lusso. Le indagini patrimoniali hanno evidenziato quindi una grossa differenza tra il reddito dichiarato dal cittadino e il suo tenore di vita. Lo sfarzo ostentato, però, alla fine è stato fatale. Il decreto di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Venezia su richiesta del direttore della Dia fiorentina.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • Travolto da un'auto, morto un pensionato di 63 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento