Cronaca bibione

Auto piena di merce, due abusivi sfondano il posto di blocco

All'inseguimento di una Panda per catturare due venditori abusivi a Bibione. "Lavoro straordinario" per le Forze dell'ordine mercoledì pomeriggio. Spiagge e strade passate a setaccio. Sequestro di 2255 articoli

All'inseguimento di una Panda per catturare due venditori abusivi a Bibione. Questo il "lavoro straordinario" che la polizia locale ha dovuto effettuare mercoledì pomeriggio. Il motivo della fuga è presto detto: l'auto era stracolma di merce da vendere sulle spiagge, nella fattispecie 50 borsette. L'allarme è scattato dopo che al posto di blocco i due occupanti della Panda, due cittadini di origine nigeriana, non si erano fermati nonostante l'Alt degli agenti. I due venditori, ex operai a Pramaggiore, sono stati fermati poco dopo.

Si tratta di uno dei casi più eclatanti emersi dal maxi-controllo sulle spiagge veneziane messo in atto da carabinieri, Finanza, polizia provinciale e corpo forestale. Più, ovviamente, i vigili. Alla fine della giornata il bilancio era di 2255 articoli sequestrati per un valore che si aggira sui 50mila euro. Il blitz è scattato dalle 14 su spiagge, pinete e strade. Ventuno uomini in campo, come spiega il Gazzettino, che hanno passato a setaccio tutta Bibione. Cinque i venditori abusivi identificati e 18 multe elevate. Molti abusivi se la sono data a gambe, lasciando incustodita la merce, poi finita nei depositi giudiziari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto piena di merce, due abusivi sfondano il posto di blocco

VeneziaToday è in caricamento