menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Motori dei taxi truccati: "Raffica di sequestri tra i motoscafi in laguna"

Sarebbero già una trentina le imbarcazioni requisite perché scoperte oltre il limite di cavalli consentito per il servizio di trasporto pubblico

Bocche cucite dalla Capitaneria di porto. Ma le indagini sarebbero già partite e, anzi, avrebbero già portato ad alcuni sequestri. Almeno secondo l'Ansa, che scrive di accertamenti serrati da parte delle forze dell'ordine sul potenziamento oltre il limite consentito dalla legge dei motori dei motoscafi usati per il servizio taxi a Venezia. Secondo i classici ben informati, dunque, una trentina di imbarcazioni sarebbero già state requisite per questo tipo di violazioni. Motori truccati e operazioni non dichiarate. Del resto con le ultime tecnologie bypassare norme e regole è diventato molto più semplice. Grazie alla propulsione elettronica, infatti, basterebbe sostituire una centralina per guadagnare i cavalli in più che si desiderano.

La raffica di controlli sarebbe scaturita anche dalle indagini che a gennaio scorso portarono alla denuncia di dodici motoscafisti accusati durante l'ultima estate di evoluzioni a tutta velocità nel canale della Giudecca per saziare la sete di emozioni forti (a pagamento) di turisti per lo più con gli occhi a mandorla. Secondo la legge le imbarcazioni che svolgono servizio di trasporto pubblico non di linea, che sarebbero circa 250, cifra cui biogna aggiungere anche gli abusivi, non devono superare i 150 cavalli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento