rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Occhiali "made in Italy" prodotti in Cina, sequestro di 15mila prodotti

L'ufficio dogane di Venezia ha requisito merce per un valore di 26mila euro destinata a un'azienda bellunese. Non era visibile la provenienza

Dovevano provenire dalla "terra dell'occhiale". Dove sorgono decine di stabilimenti specializzati (ora anche loro alle prese con la crisi economica). Un imprenditore, però, è finito nei guai. Perché la sua sede produttiva si trova effettivamente nel Bellunese, ma la merce no. O almeno in parte.

L'Ufficio delle Dogane di Venezia ha infatti sequestrato 15.310 paia di occhiali da lettura, per un valore di 26mila euro, provenienti dalla Cina. Il problema è che la merce non aveva indicata nero su bianco l'origine orientale dei prodotti. Anzi, essendo invece ben visibile la ragione sociale e l'indirizzo della ditta, il consumatore secondo gli ispettori doganali avrebbero potuto facilmente essere ingannati.

Ritenendo come "made in Italy" montature che di mano d'opera e know how tricolore non avevano nulla. Per questo al rappresentante dell'azienda potrebbe arrivare una multa che parte da 10mila euro fino a un massimo possibile di 250mila euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occhiali "made in Italy" prodotti in Cina, sequestro di 15mila prodotti

VeneziaToday è in caricamento